A Sanremo la presentazione della guida dei Ristoranti della Tavolozza con i locali di Liguria, Piemonte e Val d’Aosta

L’Associazione Ristoranti della Tavolozza presenta martedì 10 marzo alle ore 16.30 presso il Teatro del Casinò di Sanremola nuova edizione della sua guida ai ristoranti dedicata a chi ama girare per ristoranti e sperimentare sapori nuovi, evitando di trasformare un piacevole momento di relax in un’esperienze negativa e costosa.

La Guida dei “Ristoranti della Tavolozza” taglia il traguardo della sesta edizione e si presenta con un numero ancora maggiore di ristoranti, confermandosi come uno strumento importante per quanti, non solo italiani, vogliono scoprire una cucina regionale autentica, dove la tradizione è la protagonista. Indirizzi utili per scoprire locali accoglienti, dove è possibile mangiare bene, ma anche conoscere un territorio, la sua cultura, la sua tradizione e i suoi personaggi. Locali, che utilizzano prodotti tutelati e garantiti, insieme ad un’accoglienza certificata dall’adozione del Decalogo della Tavolozza, che garantisce al cliente un’ospitalità da ricordare e da raccontare. Come tradizione nella guida non si trovano voti o punteggi perché si vuole offrire ai lettori un orientamento nell’infinità delle proposte gastronomiche e suggerire un itinerario originale per la scoperta di gusti e sapori. Per ogni locale sono indicate le informazioni classiche, sui giorni di chiusura, numeri di telefono, prezzi medi dei menù e siti internet e, quando possibile, il nome dei proprietari e dei collaboratori, di cucina e di sala, i veri attori protagonisti, che animano e rendono vivo e accogliente un locale. Sono stati confermati i simboli della presenza di menù vegetariani, dell’utilizzo dei fiori eduli, di spazi dedicati ai bambini, l’esistenza di un parcheggio riservato e quelli che dedicano particolare attenzione alle famiglie, il WiFi, quando presente. Anche questa nuova edizione è il frutto del lavoro di una decina di collaboratori, fra giornalisti, cuochi nel tempo libero e addetti ai lavori, tutti volontari che hanno visitato i locali ed effettuato una attenta valutazione. Confermata la scelta dei testi in tre lingue, oltre all’italiano anche il francese e inglese, che permette ai turisti stranieri di trovare locali dove la tradizione gastronomica della Liguria, Piemonte, Val d’Aosta è grande protagonista con materie prime di qualità, a km zero e un servizio garbato e gentile.

L’edizione 2020 presenta alcune importanti novità: una consultazione ancora più facile e immediata, grazie all’adozione di nuovi simboli facili da leggere e di immediata comprensione, una elegante impaginazione con tre foto a colori per ogni ristorante, insieme ad un testo utile per orientare la scelta dei clienti, che contiene una breve presentazione del ristorante, la segnalazione dei piatti tipici e tutti i riferimenti per contattare il locale e raggiungerlo. Se visitando un territorio vogliamo anche scoprirne la cultura che si esprime attraverso il cibo, questa guida è indispensabile.

Condividi su

About the Author

Stefano Pezzini
Vecchio cronista alla Stampa, mai saggio...