A Varazze torna il Cundigiun Tour

Il Cundigiun Tour torna, per il quarto anno,  a Varazze, dove il 12 e il 13 maggio sarà protagonista la cucina ligure, assieme a musica e animazioni. Sono previste ben 10 postazioni “golose”, un vero e proprio tour del gusto attraverso la città. A segnalare le soste, ci saranno 10 palloni giganti da un metro di diametro, posizionati ad un’altezza di 30/40 mt, che disegneranno una sorta di mappa virtuale, visibile da lontano.

 

Il Cundigiun Tour vedrà anche il debutto ufficiale de I Mandilli de Väze, che si presentano, per l’occasione, prodotti con la farina del Mulino di Sassello. I tipici “fazzoletti” di forma quadrata, con impresso lo stemma della città, saranno cucinati da uno chef e proposti pranzo e cena nella giornata di sabato e solo a pranzo la domenica. I Mandilli de Väze, sono una pasta dietetica, completamente vegetariana, vegana e cruelty free, costituita esclusivamente di semola di grano duro e farina di farro di prima scelta prodotta per mezzo di una macina in pietra dal Mulino di Sassello. Hanno ricevuto la De.Co., Denominazione Comunale, la carta di identità del prodotto che lega indissolubilmente il prodotto al suo luogo di origine e il marchio “Gustosi per natura”. Questo attestato è rilasciato dall’Ente Parco del Beigua, a sua volta riconosciuto come UNESCO global geopark: un riconoscimento per l’opera di presidio delle tradizioni e di tutela ambientale svolta dalle attività artigianali del territorio

La manifestazione enogastronomica, dedicata ai piatti tipici del nostro entroterra, che porta le frazioni e le associazioni tra le vie e le piazze di Varazze, quest’anno propone degustazioni di cibo e musica, con “condimenti musicali” dagli anni 50 fino ai giorni nostri.

Girovagando tra gli stand, posizionati nei borghi di Varazze, da San Nazario al Solaro, passando per via Malocello e Piazza Patrone, potremmo provare con mano se è  vero che il suono cambia la percezione del cibo, che gli acuti esaltano l’acidità, i suoni arrotondati esaltano la dolcezza e il blues fa sembrare più buono il cibo.

Gourmet e musica, quindi  il tema di quest’anno, una festa nella festa che promette di far divertire tutta Varazze, sotto il segno del buon cibo e della buona musica dagli anni 50 agli anni 90.

Inoltre,con la mappa della manifestazione, si potrà ottenere a fine percorso, dopo avere collezionato tutti i timbri, riilasciati nelle diverse postazioni,  la simpatica shopper con il marchio della manifestazione.

Ecco le dieci postazioni:

  1. Zona Boschetto – Billy Purple and the Drunken Cats – cover band.

GAV (Gruppo Animazione Varazze) – Trenette al Pesto

Associazione Culturale San Donato – Canestrelli

  1. Piazza De André – Barbara & Davide dallo Swing al Blues. Con la partecipazione del sosia di Elvis Presley

Protezione Civile di Varazze – Frittelle di baccalà e Zemin

  1. Piazza Vittorio Veneto – DJ SET DI DJ BOND

Frazione Alpicella – I ravioli al sugo di carne

  1. Via Cairoli, l’Oratorio Salesiano musica, giochi e tanta allegria
  2. Piazza Sant’Ambrogio

3-nigma musica italiana d’autore

I Mandilli de Vaze al pesto

  1. Piazza Beato Jacopo

DJ SET discoteca anni ‘70, dal terrazzino del Palazzo Beato Jacopo

Frazione Casanova – Muscoli alla casanovina

 

  1. Via Malocello

Eliana Zunino e Giangi Sainato DUO – canzone d’autore italiana

Vaze Free Time – Crostata – Punto di distribuzione shopper manifestazione

  1. Piazza Patrone

Strolling – repertorio italiano anni ‘60

Polisportiva San Nazario – Polipetti e Bomboloni

  1. Piazza San Bartolomeo

Big Pera Williams – quartetto di Blues

Confraternita di San Bartolomeo – Street Food, Focaccette

  1. Piazza Bovani

Curve pericolose – cover band femminile anni ‘70/’80

Frazione Pero – Lasagne al Pesto – Focaccette di Patate

 

Condividi su

About the Author

Stefano Pezzini
Vecchio cronista alla Stampa, mai saggio...