Acqua Eva, la bottiglia con dentro il Monviso…

Claudio Porchia, enogastronomo curioso, ha visitato le nuove linee produttive dell’Acqua Eva, minerale che sgorga dal Monviso. La particolarità, oltre alla purezza dell’acqua, è nella bottiglia di vetro che, sul fondo, mostra il massiccio del Monviso. Una bottiglia di design, insomma, per una eccellenza italiana, piemontese nella fattispecie.

L’acqua del Monviso alla conquista del mondo. Non parliamo ovviamente dell’acqua raccolta nelle ampolle e destinata a bagnare Venezia, ma di quella che sgorga a quota 2042 metri di altezza, venti sopra la sorgente del fiume più lungo d’Italia, e che con un nuovo contenitore in vetro si appresta a conquistare i mercati del mondo intero.

Una bottiglia di nuova realizzazione, elegante e originale, unica grazie alla particolarità del fondo che presenta la forma del “Re di Pietra”, messa in produzione da poche settimane dalla Fonti Alta Valle Po, la società che imbottiglia e commercializza “Acqua Eva” e che ha il proprio stabilimento a Paesana, in provincia di Cuneo. Oggi possiamo mostrare in anteprima le immagini delle nuove linee di produzione di questo prodotto, che si è sicuramente inserito con merito fra i più importanti e innovativi dell’anno. La nuova linea vetro è destinata sia all’export internazionale, in primo luogo Stati Uniti, Giappone, Medio Oriente e Cina, sia al mercato interno, dove l’etichetta delle nuove bottiglie resterà comunque quella di Acqua Eva.

La linea vetro, infatti, oggi è indispensabile per commercializzare il prodotto oltre oceano e permettere di portare in tavola un’acqua “minerale naturale”, pura all’origine e imbottigliata così come sgorga alla sorgente, che è la più alta d’Europa.

In base alla normativa europea e italiana, infatti, un’acqua può essere definita “minerale naturale” solo se presenta determinate caratteristiche che possono essere così sintetizzate: ha origine sotterranea e protetta; è batteriologicamente pura all’origine; ha caratteristiche e composizione costanti; è imbottigliata all’origine in contenitori sicuri e controllati e non può essere soggetta ad alcun trattamento di disinfezione o potabilizzazione.

Tutti requisiti che sono soddisfatti dall’Acqua Eva, lanciata così alla conquista del mondo intero.

 

 

Condividi su

About the Author

Stefano Pezzini
Vecchio cronista alla Stampa, mai saggio...