Ad Altare si parla di esoterismo e massoneria

L’associazione culturale Arti e misteri ad Altare organizza la v° edizione di Pillole per la mente. L’edizione 2018 vuole analizzare il complesso fenomeno dell’esoterismo in maniera incisiva, semplice e comprensibile a tutti. Il  titolo e modalità di svolgimento della rassegna è “La sostanza di cui sono fatti i sogni – viaggio nell’esoterismo”. Gli incontri si terranno ad Altare nel teatrino monsignor Bertolotti dalle 21 alle 22,30. Questo il programma.

 

Venerdi 5 ottobre ore 21 “MITO, RITO, SIMBOLO – introduzione all’esoterismo relatore Giorgio Amico

Venerdi 12 ottobre ore 21 “MASSONERIA E TRADIZIONE INIZIATICA OCCIDENTALE relatore Giorgio Amico

Giovedi 18 ottobre ore 21 “RE DELL’ABISSO, AFFREATTATI – esoterismo, occulto profezie nell’opera lirica, relatore Andrea Piccardi

Venerdio 26 ottobre ore 21 “I TAROCCHI – Arcani maggiori – Significato ed interpretazione. relatore Aldo Francin

Per info e conferme adesioni: 3339060244

MOTIVAZIONI

Ogni anno, secondo il Codacons, tredici milioni di italiani si rivolgono a maghi e cartomanti, mentre non si contano i siti web dedicati all’occulto in tutte le sue forme comprese le più assurde e anche pericolose come il satanismo fai da te di certa sottocultura giovanile. Ma davvero l’esoterismo si riduce a questo bric-à-brac di presunti “misteri”, di oscuri complotti, di magie fatte in casa? Come chiarisce il dizionario etimologico Treccani per “Esoterismo” “in ambito filosofico e religioso, si dicono le dottrine e gli insegnamenti segreti, che non devono essere divulgati perché destinati a pochi”. Dunque un sapere, filosofico e religioso, considerato tanto elevato da essere riservato ad una èlite. Un sapere presente in tutta la storia dell’Occidente, dall’antichità classica ad oggi, strettamente intrecciato alla cultura ufficiale. Basti pensare ai legami fra astrologia, alchimia e scienza sperimentale (Galilei, Newton, Keplero) e fra magia rinascimentale e filosofia e letteratura (Giordano Bruno, Shakespeare) nel XVI e XVII secolo.  Di questi legami tratterrà la prima lezione (Mito, rito, simbolo), incentrata sul linguaggio dei simboli e sul rapporto tra mito e rito nel pensiero tradizionale, con riferimenti non solo alla filosofia e alla religione, ma anche alla letteratura, all’arte e alla psicoanalisi. La seconda lezione (Massoneria e tradizione iniziatica occidentale) tratterà invece delle origini, della storia e delle idee di quella che dal medioevo resta la principale realtà esoterica dell’Occidente. In sintesi: una scoperta per chi ha desiderio di conoscenza, probabilmente una delusione per i cercatori di “segreti” e di sensazioni forti.

 

Condividi su

About the Author

Stefano Pezzini
Vecchio cronista alla Stampa, mai saggio...