Al Beigua geotrekking in Val Gargassa e Junior Geoparker a scuola di orientamento

Geotrekking in Val Garagassa tra canyon, guglie e laghetti. Per i Junior Geoparker invece ultimo appuntamento estivo a Sassello. Il Parco del Beigua continua le sue attività anche in questa fine estate, con l’aria frizzante dell’autunno che comincia a farsi sentire.

Conglomerati e brecce, rocce sedimentarie che si sono formate circa 28 milioni di anni fa, erose dallo scorrere del torrente Gargassa, formano pareti verticali, spettacolari canyon, guglie e torrioni che si specchiano in placidi laghetti: questa è la meta del nostro trekking guidato di domenica 15 settembre, la Val Gargassa, un angolo nascosto di Liguria che racchiude straordinarie peculiarità geologiche che hanno contribuito a fare del Parco del Beigua uno dei dieci Geoparchi UNESCO italiani. A fine giornata poi, faremo visita all’azienda agrituristica Lavagè, che dalla lavorazione del latte del proprio allevamento produce un’infinità varietà di formaggi e golosi yogurt con il marchio Gustosi per natura del Beigua. L’escursione, mediamente impegnativa e rivolta a camminatori abituali, durerà l’intera giornata con pranzo al sacco; prenotazione obbligatoria entro sabato alle ore 12 (Guide Coop. Dafne – tel. 393.9896251). Costo a persona € 10,00

Per i piccoli Junior Geoparker invece, aspettando il nuovo programma delle attività autunnali, l’appuntamento è venerdì 13 settembre a Sassello, per salutare l’estate prima dell’inizio delle scuole con un divertente laboratorio didattico dedicato all’orientamento. Come riconoscere la posizione dei punti cardinali? Come si legge una carta topografica? E come si usa una bussola? Lo impareremo insieme grazie alle indicazioni della Guida del Parco, che ci accompagnerà in una bella passeggiata nella Foresta della Devia, dove potremo subito metterci alla prova! Prenotazione obbligatoria entro giovedì alle ore 18 (Guide Coop. Dafne – tel. 393.9896251), costo € 10,00 compresa la merenda preso Beigua Docks.

 

Condividi su

About the Author

Stefano Pezzini
Vecchio cronista alla Stampa, mai saggio...