Alassio, alla galleria Artender l’arte incontra il cibo

Dopo la performance denuncia contro la plastica che uccide i mari e le sue creature nella giornata mondiale ONU in difesa dell’ambiente, l’artista Alessandra Carloni torna ad Alassio per inaugurare la sua personale alla galleria Artender, del geologo Alessandro Scarpati. Inaugurazione venerdì 15 giugno, alle 18,30, nell’ambito di #annodelciboitaliano, in collaborazione con il Centro Studi dell’Alberghiero di Alassio e le aziende di Confagricoltura Liguria. Le opere di Alessandra Carloni verranno abbinate agli ortaggi, alle aromatiche, al pane di Gavenola e al Vermentino della Cantina Spagnoli, mentre lo chef Renato Grasso proporrà uno show cooking.

Le opere rimarranno in mostra sino al 30 giugno con apertura dal lunedì al giovedì dalle 18 alle 20, venerdì, sabato e domenica dalle 18 alle 22, nella splendida location di Passeggiata Cadorna 53, dove le suggestioni di “Moby Dick”, il titolo della personale, si faranno tutt’uno con l’eco del frangere del mare di Alassio. Al il taglio del nastro seguirà la presentazione del video della performance itinerante che l’artista ha dedicato alla causa del WORLD ENVIROMENT DAY del filmmaker alassino Willie Boehmer e lo slideshow della giovane fotografa Francesca Li Causi.

Francesca Bogliolo, critica della galleria, per il vernissage d’apertura, ha organizzato un evento nell’evento con Andrea Ghigliazza e Giorgio Schivo che, accompagnati dal violino di Cristina Silvestro, leggeranno brani tratti dal romanzo di Herman Melville. In tema di suggestioni, già il titolo “Moby Dick”svela l’impronta utopistica del lavoro artistico della Carloni, laddove il pennello traccia i confini di un racconto che altrimenti assumerebbe l’indefinibilità della società postmoderna e dove l’aspetto liquido viene avviluppato e racchiuso dall’artista nel perimetro dei suoi quadri.

La personale dell’artista romana sarà l’occasione per riaffermare l’impegno di Confagricoltura Liguria e del Centro Studi dell’Alberghiero di Alassio per la promozione del connubio cibo-arte nell’anno che i ministeri dei Beni Culturali e dell’Agricoltura hanno voluto celebrare con #annodelciboitalianonelmondo.

Grazie alla collaborazione con Confagricoltura Savona e le aziende Panificio Caccio di Gavenola (IM), Azienda Agricola Campore Plants di Fazio Lucio di Albenga, Azienda Sommariva di Albenga,Cantina Spagnoli Andrea di Arcola(SP), VELIER S.P.A. Genova, Azienda Fever –Tree e le aziende agricole Parodi e Pamparino “Sensu” di Finale Ligure, i giovani talenti del Progetto Eccellenze presenteranno il pestato ai profumi di Liguria e il Vermentino Art Tender abbinati agli ortaggi in cundigiun sul pane di Gavenola e l’olio EVO di Sommariva.

Il progetto di ART & FOOD è stato coordinato dal geologo Alessandro Scarpati, dal direttore Confagricoltura Savona Michele Introna, dai docenti Giovanni Marello, Stefania Violino, Monica Barbera e Franco Laureri e promosso dal Centro Studi sul Turismo F.M.Giancardi, in conformità al piano di miglioramento e al progetto “Io Sono Un Brand”.

 

Condividi su

About the Author

Stefano Pezzini
Vecchio cronista alla Stampa, mai saggio...