Alassio e Laigueglia si preparano al decimo Memorial Bartolomeo Marchiano

Torna, arrivato al decimo anno, il Memorial Bartolomeo Marchiano. La manifestazione dedicata al gourmet laiguegliese Bartolomeo Marchiano dal figlio Angelo, imprenditore e cavaliere del lavoro, affiancato dal nipote Matteo Zanoni, in questa edizione allarga i confini della competizione ai giovani emergenti dell’hotellerie, grazie alla partnership con Confagricoltura Liguria e Piemonte. La gara, dopo il “2018 anno del cibo”, si concentra sulla promozione delle eccellenze agroalimentari dedicando il Memorial alla cucina e ai vini delle “Alpi del Mare”. Il nuovo format, ideato dal Centro Studi Sul Turismo dell’Istituto “Giancardi” di Alassio, mette in sfida i migliori studenti dell’alberghiero della Città del Muretto, con Stefano Rota, chef del Ristorante Vascello Fantasma di Laigueglia, in qualità di mentore.

 

Il percorso si articolerà in prove individuali e di team e si concluderà con una serata di gala il prossimo 19 marzo, in cui saranno degustati i piatti ideati per concorrere al X trofeo Bartolomeo Marchiano. Un viaggio pedagogico che, grazie a Confagricoltura, ai docenti e al maestro di cucina Stefano Rota, porterà i prodotti dell’agroalimentare ligure a varcare le Alpi e i prodotti piemontesi ad entrare nella cucina del mare. Il Piemonte presenterà anche una selezione di vini docg bianchi e rossi e di formaggi dop, tutti provenienti da aziende agricole di Confagricoltura.

“Si tratta di una interessante collaborazione tra la nostra organizzazione e l’istituto alberghiero di Alassio – spiegano il presidente di Confagricoltura Piemonte Enrico Allasia  e quello della Liguria Luca de Michelis – L’obiettivo è avviare un percorso formativo coinvolgendo anche realtà scolastiche subalpine per approfondire lo scambio culturale e rafforzare il legame tra le due regioni attraverso le eccellenze agricole e la buona cucina”.

Un viaggio pedagogico che, grazie a Confagricoltura, ai docenti e al maestro di cucina Stefano Rota, porterà i prodotti dell’agroalimentare ligure a varcare le Alpi e i prodotti piemontesi entrare nella cucina della Città del Muretto.  

Matteo Zanoni, quarta generazione di imprenditoria turistica, racconta così il bisnonno Bartolomeo: “Senza dubbio è stato un pioniere. Da giovane ha lasciato Laigueglia, ha attraversato l’Oceano ed ha trovato lavoro come cuoco al Waldorf Astoria, a New York. Una esperienza che deve essere stata esaltante, ma che soprattutto gli ha aperto la mente. Quando è tornato in Riviera portava con se, sicuramente, una esperienza internazionale che in pochi potevano vantare. Quella del bisnonno è una figura che mi ha sempre affascinato, al punto che qualche anno fa sono andato a vedere da vicino il Waldorf Astoria, ancora oggi uno degli hotel più prestigiosi della Grande Mela”.

Il percorso formativo, fatto di didattica attiva, cooking team building a cura di grandi chef, che coinvolgerà food blogger e opinion leader della gastronomia; la scuola avrà al suo fianco Federazione Italiana Cuochi, Regione Liguria, Comune di Alassio, Comune di Laigueglia, Associazione Italiana Sommelier, Condafricoltura, e FIDAPA BPW Italy Distretto Nord-Ovest e FIDAPA BPW Italy Sez. di Albenga.

 

Condividi su

About the Author

Stefano Pezzini
Vecchio cronista alla Stampa, mai saggio...