Alassio in Bolla, successo di pubblico e sapore

La prima edizione di Alassio in Bolla, tenutasi al Diana Grand Hotel lunedì 5 novembre è stata senza dubbio un grande successo. Sono stati 69 i produttori di spumanti Metodo Classico, 12 i banchi delle specialità gastronomiche che, da tutte le regioni d’Italia, sono arrivati ad Alassio per far conoscere e degustare agli operatori del settore, ai giornalisti e ai  tanti appassionati le loro migliori bottiglie. 170 etichette e 500 presenze sono i numeri della prima edizione di Alassio in Bolla.

I numeri da soli, però, non rendono giustizia a quello che l’evento ha significato per il territorio: a una sola settimana dalla mareggiata che così duramente ha colpito Alassio e l’intera Liguria, lo svolgersi di un evento di questa portata è stato un segnale di come la città sappia reagire e rialzarsi immediatamente, guardando al futuro.

“Abbiamo avuto una partecipazione straordinaria, segno che i produttori, il territorio e le istituzioni hanno creduto in noi e hanno voluto essere al nostro fianco in questa avventura – commenta Barbara Porzio, responsabile della segreteria organizzativa di Alassio in Bolla – La vicinanza di tutta la città, a partire dal Comune di Alassio, al Diana Grand Hotel, fino ad arrivare all’Istituto Alberghiero Giancardi – Galilei – Aicardi e ai suoi ragazzi, che per tutta la giornata hanno prestato un servizio impeccabile, è la dimostrazione di come il miglior modo per reagire alle avversità sia fare rete, cooperare”.

Sono nate nuove sinergie e nuovi incontri tra i produttori di Spumanti e le aziende che hanno portato in degustazione le loro eccellenze italiane della gastronomia, che hanno avuto un’area dedicata nella quale mostrare e fare assaggiare le loro specialità: segno che Alassio in Bolla non è stata solo una vetrina ma un’opportunità per chi vi ha preso parte di fare rete per crescere insieme.

Unanime è stato l’apprezzamento per la determinazione e l’organizzazione impeccabile rivolto al Consorzio Macramé – Dire Fare Mangiare e al pool di  ristoratori alassini – Il Gabbiano, Caffè Roma, La Prua, Viola, Scola, Lamberti e lo Chef Viglietti, da qualche tempo trasferitosi a Roma – che lo compongono, e che hanno creduto fermamente in Alassio in Bolla: un evento che, come Un Mare di Champagne, porta Alassio nel mondo e il mondo ad Alassio attraverso la classe, l’eccellenza e i sapori.

 

Condividi su

About the Author

Stefano Pezzini
Vecchio cronista alla Stampa, mai saggio...