Alassio si tuffa in un “Mare di champagne”

Un Mare di Champagne, l’evento dedicato al mondo dello Champagne, organizzato dal Consorzio Macramé Dire Fare Mangiare, con il patrocinio della Città di Alassio, si prepara alla sua VII edizione che avrà luogo ad Alassio domenica 16 e lunedì 17 giugno 2019. Alassio sarà coinvolta in quello che ormai è diventato un appuntamento consolidato nel mondo dello Champagne. Professionisti, esperti, wine lovers convergono ad Alassio per degustare il Roi des Vins, declinato in tutte le sue sfaccettature. Un Mare di Champagne, infatti, è una grande kermesse che racchiude Maison e piccoli Vigneron, per offrire un percorso degustativo completo dell’intero mondo dello Champagne. Alassio inaugura la sua estate con lo Champagne: tutte le vetrine si vestiranno a tema con le colorate sagome delle Bottiglie in collaborazione con il Consorzio Un Mare Di Shopping.

 

Per tutto il mese di Giugno lo Champagne si degusta nei locali del Consorzio Macramé e in tutti i locali dell’Associazione Assoristobar che espongono la sagoma della frappeuse colorata: menù a tema Champagne, aperitivi e cocktail a base Champagne.

La splendida terrazza del Diana Grand Hotel di Alassio, completamente rinnovata, in splendida posizione panoramica con affaccio sul mare, si riconferma la location ideale per ospitare oltre 200 etichette: una vetrina di grande fascino e prestigio dal sapore internazionale. L’evento sarà inaugurato domenica 16 giugno durante la Champagne Gala Night: Champagne Bar, street food gourmet, musica, convivialità ed eleganza saranno gli ingredienti di un momento di festa, aperta al grande pubblico. Sulla magnifica terrazza del Diana Grand Hotel, si potrà vivere una serata indimenticabile: 6 grandi Champagne, – Bollinger, Devaux, Drappier, Ellner, Mailly, Trousset-Guillemart – 220 bottiglie messe a disposizione degli ospiti e 12 postazioni di street food gourmet dove verranno preparati live piatti realizzati con ingredienti di eccellenza da grandi chef. Il dress code sarà “glitter” per rendere ancora più scintillante e luminosa la notte di Alassio. La serata avrà il suo côté glamour con la sfilata gioielli con le anteprime delle collezioni di Gioielleria Medagliani, Damiani, Pasquale Bruni e Mattioli.

Lunedì 17 giugno, dalle 12.00 alle 20.00, sarà sempre il Diana Grand Hotel ad ospitare la giornata dedicata alle degustazioni, il clou di Un Mare di Champagne. 64 tra Maison e Vigneron – record assoluto di tutte le edizioni di Un Mare di Champagne – offriranno ad addetti ai lavori, giornalisti e appassionati più di 200 etichette in degustazione, accompagnati negli assaggi dalla competenza dei Sommelier FISAR. L’affascinante mondo dello Champagne verrà approfondito in momenti di formazione e degustazione durante le Masterclass che si terranno nel pomeriggio di lunedì guidate da esperti conoscitori. Un Mare di Champagne 2019 è anche l’occasione per degustare le eccellenze gastronomiche selezionate da 12 aziende specializzate nella ricerca, commercializzazione e distribuzione di prodotti dall’Italia e dal mondo per il settore ristorativo di eccellenza e qualità.

Per Barbara Porzio, responsabile della Segreteria Organizzativa di Un Mare di Champagne, “Questa settima edizione conferma ancora una volta l’importanza di Un Mare di Champagne per Alassio e per tutti gli amanti del più grande vino del mondo. Oltre 60 tra Maison e Vigneron hanno confermato ancora una volta la loro fiducia nel lavoro del Consorzio Macramé – Dire Fare Mangiare. Questa edizione sarà ricca di novità, dalle Masterclass all’ingresso della tecnologia nelle degustazioni, senza tralasciare quel tocco di glamour ed eleganza che, da sempre, contraddistingue Un Mare di Champagne.”

 

Novità 2019

La grande novità della VII edizione di Un Mare di Champagne è rappresentata da MEMORvINO, un servizio digitale innovativo che crea una relazione più coinvolgente e interattiva tra i produttori e i visitatori e che, ad oggi, ha profilato 100.000 degustazioni in importanti eventi di settore. Ogni espositore avrà sul proprio desk il dispositivo MEMORvINO che permette uno scambio di informazioni tra il bicchiere intelligente (dotato di un microchip) del partecipante (precedentemente registrato) e la piattaforma. Ogni produttore finalmente saprà CHI ha degustato QUALE vino durante il giorno dell’evento, aprendo così numerose opportunità dal punto di vista commerciale: a fine manifestazione, infatti, aiproduttoriverrà restituita unalistaestremamente profilata dei partecipanti, mentre ai visitatori verranno inviate le schede tecniche di tutti i vini che hanno degustato e i contatti delle cantine/maison presso le quali hanno degustato.

 

GLI APPROFONDIMENTI

STEINBRÜCK: le verticali di 5 millesimilunedì 17 giugno dalle 15.00 alle 16.00 Relatore: Roberto Beneventano

Società fondata nel 1880 dalla Famiglia Steinbrück. L’attività ripresa nel 1996 da parte dei discendenti come M.A. che seleziona le proprie Cuvée ricercandole nella produzione migliore esistente nella Champagne Le prime tre Cuvée d’assemblaggio: Chardonnay e Pinot Noir

  1. Champagne Steinbrück Cuvée Millésimé 2003 2. Champagne Steinbrück Cuvée Millésimé 2004 3. Champagne Steinbrück Cuvée Millésimé 2005

Le seconde Cuvée Blanc de Blancs: 100% Chardonnay

  1. Champagne Steinbrück Cuvée Millésimé 2010 2. Champagne Steinbrück Cuvée Millésimé 2011 Costo: € 35,00

ACCREDITO SU: www.unmaredichampagne.it

Info: Tel +39 366 4815006 – info@unmaredichampagne.it

ROBERTO BENEVETANO

Laureato in Economia e Commercio presso l’Università Bocconi di Milano. Da quasi 50 anni si occupa di Champagne. Ha lavorato per e con diverse Maison di Champagne. Nel 1989 si specializza presso La Chambre de Commerce de Reims approfondendo la sua conoscenza dello Champagne. Nel 1992 per la sua competenza nello Champagne gli viene conferito dal Ministro dell’Agricoltura Francese l’Ordre Merit Agricol, speciale onorificenza della Repubblica Francese che viene conferita a coloro che hanno avuto un ruolo importante nello sviluppo dell’Economia Agraria Francese. Nel 1996 con l’aiuto di partner francesi riprende l’attività degli STEINBRÜCK della selezione e commercializzazione degli omonimi Champagne.

 

BOLLINGER: lo stile intramontabile del Pinot Nerolunedì 17 giugno dalle 17.00 alle 18.00

Relatori: Livia Riva e Manlio Giustiniani

La Maison Bollinger ha creato champagne prestigiosi e di grande carattere, caratterizzati da eleganza e complessità, fin dal 1829. Questi vini eccezionali sono il risultato di una rigorosa attenzione ai dettagli, poiché Bollinger ricerca esclusivamente l’eccellenza. Ogni dettaglio rappresenta il tassello di una certa forma di perfezione.

  1. Bollinger Special Cuvée
  2. Bollinger Rosé
  3. Bollinger Grande Année 2008
  4. Bollinger Grand Année Rosé 2007 5. Bollinger R.D. 2002

Costo: € 50,00

ACCREDITO SU: www.unmaredichampagne.it

Info: Tel +39 366 4815006 – info@unmaredichampagne.it LIVIA RIVA

Sommelier con diploma AIS, finalista al concorso Ambasciatori Champagne del 2013 e Dame Chevalier de l’Ordre des Coteaux de Champagne. Una donna con tanti interessi e tante passioni. Fra le più importanti l’Amore per il vino, per le bollicine, per lo Champagne e la Champagne che conosce in modo profondo. I tanti viaggi fatti, toccando con mano quella piccola ma grande parte di mondo, entrando in contatto con le mille sfaccettature di questa terra, raccogliendo in modo prezioso le esperienze vissute con i piccoli Vigneron e con le grandi Maison, hanno arricchito il mio percorso formativo, fatto anche di corsi di aggiornamento specifici tenuti in loco. Perché proprio lo Champagne?

Perché trovo che sia l’unico vino adatto ad ogni momento della vita e ad ogni momento della giornata. Si beve in modo spensierato, infonde allegria e invita alla festa ma è fortemente intriso di storia, tradizione, leggenda, ricerca, scienza, rigore.

Un compendio di caratteristiche che lo rendono inimitabile. Lo Champagne è il vino più famoso al mondo ed è anche quello che si conosce di meno. Ecco perché mi piace parlarne senza troppi tecnicismi o approcci scientifici: lo Champagne è anche un vino democratico e sono proprio le occasioni come Un Mare di Champagne che permettono ai tanti appassionati di scoprirlo sempre di più.

 

MANLIO GIUSTINIANI

Nato in una “raggiante” Catania degli anni ’60.

Sommelier e Master Class Bibenda, docente della Fondazione Italiana Sommelier, innamorato dello Champagne, e appassionato di 007. Editor at Large di James Magazine e autore di articoli su Bibenda e Spirito di Vino. Collabora con Eataly come formatore e organizza corsi e tasting di champagne.

Relatore in manifestazioni di importanza di livello nazionale e internazionale come. Nel 2015 e nel 2017 é stato finalista al Concours d’Ambassadeur du Champagne in Italia.

 

Il Consorzio Macramé – Dire Fare Mangiare

 

Il Consorzio Macramé – Dire Fare Mangiare, da sette anni si occupa con successo dell’organizzazione di Un Mare di Champagne. Nato da un pool di ristoratori alassini, il Consorzio Macramé – Dire Fare Mangiare è ambasciatore di Alassio e delle sue eccellenze, mantenendo un focus particolare sul Food & Wine. Lo scopo dei ristoratori che fanno parte del Consorzio, infatti, è portare Alassio nel mondo e il mondo ad Alassio.

Un Mare di Champagne giunge alla settima edizione e si conferma tra i più importanti eventi esclusivamente dedicati allo Champagne in Italia e certamente l’unico nel suo genere. La manifestazione è in costante crescita di importanza e numeri tra gli operatori del settore, la stampa e il grande pubblico. Forti dell’esperienza e del successo di Un Mare di Champagne, nel 2018 il Consorzio Macramé ha organizzato la prima edizione di Alassio in Bolla, evento esclusivamente dedicato ai metodi classici italiani, che si è subito confermato un successo di pubblico e produttori. Pur mantenendo le singole peculiarità ed unicità, il Consorzio Macramé si muove come un’entità unica, svolgendo una vera e propria attività di marketing e di promozione turistica, con un occhio di riguardo, ovviamente, al food & wine.

I 7 MEMBRI DEL CONSORZIO MACRAMÉ – DIRE FARE MANGIARE

Caffé Roma / Gabbiano / Lamberti / La Prua / Scola / Viola / Chef Viglietti

 

Condividi su

About the Author

Stefano Pezzini
Vecchio cronista alla Stampa, mai saggio...