Albenga-Assisi, a Sinalunga Sergio scopre le…uova di Pasqua

La differenza tra un pellegrino penitente e un pellegrino goloso? Le fotografie. Quelle di Sergio Giusto, che da Albenga sta arrivando a grandi passi ad Assisi, raccontano di un percorso costellato, di vigneti, cipressi, paesaggi, borghi, qualche chiesa e…uova di Pasqua! Proprio così, una teoria di uova di cioccolato messe in mostra da una pasticceria a Sinalunga, dove è arrivato oggi. Sentiamo il suo racconto.

“E’ stata una giornata ideale per camminare, sono partito da Asciano di buon mattino, come sempre, e ho attraversato le Crete senesi, colori spettacolari, uliveti, vigneti, da lontano borghi che sembrano una fiaba. Durante il percorso ho incontrato due simpatici ciclisti che stanno facendo una lunga pedalata e ho scambiato due parole con loro. Per il resto niente di particolare, del resto dopo l’incontro con i maremmani di ieri speravo in una giornata tranquilla come questa. Sono arrivato a Sinalunga nel primo pomeriggio, paese veramente bellissimo e pulito, ho trovato un ostello per la notte e, il pomeriggio, l’ho trascorso riposandomi. L’essere vicino alla meta mi sta svuotando delle energie, domani farò una trentina di chilometri proprio per cercare di far nuovamente circolare l’adrenalina, i cali di tensione, per chi cammina come per chi pratica sport, sono pericolosi. Dopo il riposo sono uscito per la cena, prima ho incontrato una splendida pasticceria che ha metà negozio pieno di uova di Pasqua artigianali. NOn potevo non condividerle…A domani”, racconta Sergio.

Condividi su

About the Author

Stefano Pezzini
Vecchio cronista alla Stampa, mai saggio...