Albenga-Assisi, per Sergio una dolce pausa a Perugia…

L’arrivo, questa volte, è dolce, e non poteva essere altrimenti: Sergio Giusto è arrivato a Perugia, ed è sin troppo facile unire il cammino del pellegrino partito da Albenga venti giorni or sono al cioccolato che ha nel nome il capoluogo Umbro. Battute a parte, Sergio ha quasi terminato il suo cammino, e ora cammina piano, aspettando, venerdì, l’arrivo di Albertina ad Assisi. Ecco il suo racconto.

Manca un giorno all’arrivo a Santa Maria degli Angeli, dove aspetterò Albertina, Silvia e Fabio. Mancano 20 chilometri, più i 2 che percorrerò assieme agli amici per raggiungere Assisi. Alla fine i calcoli che avevo fatto, e l’allenamento, mi hanno dati ragione. Ho i piedi bollenti, perchè negli ultimi giorni ho camminato sull’asfalto. La Lauretana non è proprio la strada fatta di sentieri e borghi che credevo fosse. Anche oggi ho camminato sull’asfalto, con in più la cosa negativa che ho camminato in una zona industriale, capannoni e centri commerciali hanno sostituito vigneti, boschi e oliveti. Un paesaggio che di certo stona con la spiritualità che si sente in un pellegrinaggio come il mio. Detto questo, sono arrivato a Perugia, città che non ha bisogno di commenti, è una delle città più belle d’Italia. Devo dire che non mi sono quasi accorto di lasciare il lago Trasimeno, questa mattina, per arrivare in questa splendida città dove la storia si respira. Nel pomeriggio ho girato per la città, incrociando anche alcuni riti religiosi, siamo pur sempre in Settimana Santa, e nell’Italia centrale queste manifestazioni sono particolarmente sentite e coreografiche. Per il resto che dire, ho trovato un posto dove dormire, ci sentiamo domani”, racconta Sergio.

Condividi su

About the Author

Stefano Pezzini
Vecchio cronista alla Stampa, mai saggio...