Albenga, nella Note di notte nei musei aprono anche le sale dell’Istituto Internazionale di Studi Liguri

Torna ad Albenga “Note di Notte nei Musei”, l’appuntamento a cura della Fondazione Oddi che quest’anno tenta di bissare il successo che riscosse nella sua prima edizione (2009) quando tra l’altro vinse il premio della “Stampa” come manifestazione culturale dell’anno. La manifestazione ha oggi come allora l’intento di introdurre un elemento artistico “vivo” (un Musicista o un gruppo di Musicisti) assieme ai reperti dei Musei Ingauni (quest’anno saranno coinvolti la mostra Magiche Trasparenze, il Museo Navale Romano e il Museo Civico, oltre al Battistero).

 

La manifestazione prenderà il via in Piazza Trincheri lunedì 6 agosto alle 21, con la presentazione del progetto che vede la partecipazione della Fondazione Oddi e della Diocesi, legato a “Note di Notte”: “Musei a Colori”. Saranno installati per la città dei “totem” alti 2 metri, coloratissimi e riportanti le indicazioni sia stradali (frecce) sia per lo smartphone (codice QR) in modo da aiutare i turisti ad avere notizie e raggiungere i musei cittadini. “Colori” perchè ogni Museo sarà caratterizzato – appunto – da un colore: BLU per Magiche Trasparenze, ROSSO per il Museo Navale, OCRA per il Museo Civico e GIALLO per il Museo Diocesano e Battistero.

Alle 21:30 comincerà la Musica con Giovanni Doria Miglietta, che presenterà alcune fantasie per pianoforte tratte dai suoi ultimi album (l’ opera omnia di Earl Wild, geniale musicista e trascrittore, in tre volumi usciti per la Piano Classic ).

Il primo brano della serata sarà dedicato ai più piccoli (ma anche ai grandi che non hanno dimenticato gli immortali classici Disney) e si tratta di una fantasia sulle musiche del cartone animato “Biancaneve e i Sette Nani”, e a seguire Haydn, Saint Saens e Rachmaninov.

Alle 22 si apriranno le porte dei Musei cittadini e del Battistero (gratuiti) e le corti dei Palazzi (Oddo, Peloso Cepolla e Palazzo Vecchio del Comune), ospiteranno, a partire dalle 22:10 Gianna Williams (Arpa Celtica), che proporrà brani legati alla tradizione britannica, il duo Syrinx (Luca Sciri – clarinetto – e Michele Menardi Noguera – flauto) che proporrà eteree suggestioni del ‘900, ed infine (ma non meno importante) Luca Soi che dalle Logge del Museo Civico e Battistero, suonerà brani da J.S. Bach e N. Paganini.

Le esibizioni dureranno circa 25 minuti, saranno intervallate da una pausa di 20 minuti, e saranno poi ripetute per dar modo a più persone di fruirne.

Non si tratta, infatti, di semplici concerti, ma piuttosto di visitare i musei cittadini con una suggestione in più, anzi due, visto che le facciate degli edifici saranno colorate di luce nelle varie tonalità.

Alle 23:40 gran finale, di nuovo tutti in piazza Trincheri per la seconda ed ultima parte del concerto di Pianoforte con musiche di Gershwin, Ciajkovskij ed ancora Rachmaninov.

In occasione delle “Note di Notte ai Musei” l’Istituto Internazionale di Studi Liguri è aprirà, al termine dei concerti nell’atrio di Palazzo Peloso cepolla, dalle 21 alle 23,30, la propria sede con visita al Museo Navale Romano, alla Mostra Preistorica della Val Pennavaire, alla Collezione dei vasi da farmacia dell’Ospedale di Albenga e alla Biblioteca.

 

Condividi su

About the Author

Stefano Pezzini
Vecchio cronista alla Stampa, mai saggio...