All’Alberghiero di Alassio un’aula a cielo aperto per l’Ortoterapia

Lavori in corso all’alberghiero di Alassio per allestire il nuovo laboratorio per la didattica speciale ispirato ai principi dell’Ortogarden terapia. Un’aula a cielo aperto che garantirà il distanziamento sociale ed al contempo agrumi, fiori eduli ed erbe aromatiche per i laboratori di cucina e sala-bar. Il progetto, finanziato dalla fondazione De Mari, completerà l’offerta dell’Istituto per l’inclusione e la socializzazione; la garden therapy si affiancherà ai Laboratori Multimediali per la Didattica Speciale, Cucina e Bar del Sorriso.

Il laboratorio per la manualità verde progettato dal Collegio provinciale degli agrotecnici diplomati e laureati di Savona e il Garden Center di Borghetto Santo Spirito, consentirà agli alunni con speciali abilità, attraverso il principio “produco e cucino ciò che semino o propago per talee”, di coltivare per le esercitazioni di cucina e sala del corso enogastronomico.

La realizzazione della struttura, oltre a completare l’offerta laboratoriale per gli alunni con speciali abilità, rappresenta il primo step del progetto “Pasta ai profumi di Liguria” che coinvolgerà i giovani chef del “Giancardi” nell’ideazione e nella produzione artigianale di paste fresche e secche aromatizzate al timo, alla maggiorana, alla salvia e al rosmarino della piana albenganese.

L’investimento favorirà non solo l’integrazione degli alunni svantaggiati, grazie ai benefici della garden therapy, ma avrà ricadute significative su tutta la comunità scolastica che potrà usufruire di un’area verde per il relax e il benessere psicofisico.

Come sottolinea il Dirigente Scolastico Massimo Salza: “Il nuovo laboratorio per la didattica speciale è frutto di un grande lavoro di squadra, un esempio virtuoso di collaborazione tra scuola, Istituzioni, mondo delle imprese e società. Un modello di agricoltura terapeutica in grado di dare valore aggiunto al progetto d’inclusione del nostro Istituto”. 

“L’Ortogarden del Sorriso – dichiara Luca De Michelis – è un esempio straordinario di agricoltura sociale, una testimonianza tangibile dell’impegno di Confagricoltura Savona per la promozione di una scuola inclusiva, di tutti e di ciascuno”.

L’ “Ortogarden del Sorriso” stimolerà negli alunni l’etica della “cura” con benefici sull’umore, sullo stress e l’apparato cardiocircolatorio; anche gli alunni in carrozzina potranno svolgere attività orto-colturali: dalla propagazione per talee, alla semina, dalla potatura agli innesti.

L’Ortogarden del Sorriso, ideato da Franco Laureri, è stato realizzato grazie al sostegno di Luca De Michelis, presidente di Confagricoltura Liguria, di Fabio Macheda assessore alle politiche scolastiche di Alassio, a Valentina Perna e Dario Zunino, Presidenti dei Lions Club di Alassio ed Albenga e di Roberto Luciano, Presidente del Collegio degli Agrotecnici diplomati e laureati di Savona.

 

Condividi su

About the Author

Stefano Pezzini
Vecchio cronista alla Stampa, mai saggio...