Andora, a Rollo torna la suggestiva Festa delle erbe aromatiche

Sabato 16 e domenica 17 giugno a Rollo, splendida e poco conosciuta frazione collinare di Andora, torna per la diciannovesima edizione la “Festa delle erbe aromatiche, officinali e antiche piante”. Saranno presenti, tra gli altri, tanti e qualificati espositori, i Presidi Slow Food del Carciofo di Perinaldo, l’Acqua di Fiori d’Arancio Amaro di Vallebona, l’Asparago Violetto di Albenga, il Chinotto di Savona, lo Sciroppo di Rose della Valle Scrivia e, notizia in anteprima, il Presidio in itinere della Cipolla Belendina di Andora. Proprio i presidi saranno protagonisti di uno dei tanti talk show di approfondimento.

 

Rollo è un borgo semplice, ma splendido, capace di affascinare per il paesaggio, la natura, la quiete, il sole e il mare. Chiacchierando con persone di una certa età, ricordano che… si parlava poco e si lavorava molto, con molte scoperte, molte convinzioni, concretezza e fatica scandite dai tempi della natura. Nel borgo si notano ancora i muretti a secco per recuperare il terreno, i sentieri, i vecchi pozzi per attingere l’acqua, i resti degli orti addossati alle case, gli alberi da frutta. E ci raccontano di stalle, di galline, di  pascoli di capre. Le finestre piccole per proteggersi dal vento e dal sole. Le terrazze per il bucato e per seccare pomodori, aromatiche, fichi, pesce. La raccolta della legna per l’inverno, delle foglie, dei semi, delle olive, delle erbe. C’erano poi i forni, i focolari e i frantoi. Il tempo passa e porta innovazioni. La vita quotidiana è cambiata.

 

Voglia di “economia” domestica

Vivere insieme e lavoro di casa. Un tempo si faceva il raccolto, frutto di lavoro e sapienza, oggi si fa la spesa con il denaro. Ricchezza di offerta caotica e domanda pazza. Sembra che si voglia sempre altro, di più. Per ridimensionare un po’ questo comportamento si potrebbe pensare di fare la spesa come si  faceva il raccolto. Innovazione non significa sempre scoprire cose nuove, ma saper guardare la realtà con occhi diversi. C’è la voglia di “ economia domestica ” oggi, nel contemporaneo globalizzato, che non significa non consumare, ma farlo con “arte domestica” ,in modo consapevole, scegliendo bene, il naturale e necessario, e anche l’esclusivo o il semplice con gioia e con conoscenza. Accarezzare il pane quotidiano come un artista suona il pianoforte, così era una volta. Le sensazioni sono importanti e donano valore a tutto ciò che sta intorno a noi

 

La natura dentro casa crea l’arte domestica

L’uomo ama ritirarsi dentro le mura di casa, ma nonostante le comodità rimane nostalgico nei confronti dei paesaggi naturali, delle piante dei fiori dei frutti. Ha la necessità di portarsi tutte le ricchezze della natura dentro casa; nel cibo, nel giardino, attraverso le esperienze e le immagini quotidiane. Diventa un’arte portarsi la natura in casa, come amica con rispetto, delicatezza e misura, e attraverso essa poter migliorare la nostra esistenza. Nel Borgo di Rollo, la festa mostra una comunità che si ritrova ogni anno, scambiandosi idee, progetti e prodotti. Sguardi e attenzioni che dialogano con le piante, mani e memorie che raccolgono le erbe o coltivano, una “rete” di raccolta antica, ma un gesto significativo e moderno in tutte le visioni del mondo. La XIX Edizione della “Festa delle erbe aromatiche, officinali e antiche piante” metterà al centro delle due giornate l’arte domestica.

 

Le conferenze

Si svolgeranno intorno a vari argomenti sul tema dell’arte domestica: dal vaso di basilico sulla finestra al lavoro della terra, ai racconti quotidiani del raccolto allo stress della spesa. Da una cucina che cuoce cibi antichi ai gesti della creatività, alla spazzatura, alla sicurezza alimentare; dalla visita al bosco alla conservazione o alla torta di erbe di campo; dall’eleganza del vaso di fiori alla ritualità della natura; dal paesaggio al giardino. Per scambiare parole ed esperienze nella rete del quotidiano. Osservando I modi di pensare e il comportamento, condivisi e che si rivelano efficaci, si scoprono elementi integranti di una cultura. Anche se la cultura si manifesta in effetti chiari, in rituali, manufatti, clima e valori sostenuti, la sua essenza è rappresentata dai taciti presupposti comuni e non da una modernità costruita.

Insieme agli espositori

Staremo insieme a persone che ci aiuteranno con la loro bravura e le loro conoscenze: i vivaisti, vorranno stupirci e farci conoscere ciò che non conosciamo. Saranno in esposizione con ogni genere di piante dalle aromatiche le nostre amiche per eccellenza, alle piante rare, alle piante da orto, alle piante perenni dai mille colori dei fiori.  Se vogliamo una pianta, impariamo a conoscerla e a farla crescere. La pianta è un valore e un lavoro. I produttori di derivati dalle erbe e dalle piante racconteranno perché il mondo vegetale è una fonte infinita di risorse naturali da dove si potranno ottenere i prodotti, quelli genuini, buoni. Dalla tazza di caffè, allo zafferano, all’infinità di spezie, all’essenza di camelia e alla crema di clematide o di cisto, dalle farine ai semi. E ancora ricette, pentole, conserve. L’orto e il raccolto di giornata. I prodotti delle stagione e il pane saranno disponibili nei laboratori. Momenti attrattivi: nel racconto per i bimbi della favola del pesto, nella pulizia dei sassi sulla Piazza del Sagrato della Chiesa con un artista, nell’angolo delle merende naturali con le storie di nonne e nonni, e nella passeggiata sul sentiero con l’asinella Margherita.

 

Programma

“Festa delle erbe aromatiche, officinali e antiche piante”

16 e 17  giugno 2018, nel Borgo di Rollo, Andora (SV)

Mostra mercato:

Esposizione di specialisti eccellenti: vivaisti, floricoltori, giardinieri, agricoltori, produttori di derivati dalle erbe, produttori di alimenti, e infine artigiani con creazioni in materiali naturali.

Sabato 16 dalle ore 14,00 alle ore 23,00

Domenica 17 dalle ore 9,00 alle ore 20,00

Apertura dell’ esposizione

Sabato alle ore 14,00 apertura al pubblico

Inaugurazione:

Ore 14,30, davanti alla Canonica:

“Inaugurazione della Festa delle erbe aromatiche, Officinali e Antiche piante”

Presentazione Progetto “THROUGH the trees”, targhe botaniche per i sentieri, dell’architetto Monica Bispo e Consegna della targa per il Nuovo Olivo della piazzetta Panoramica del Borgo di Rollo

Presentazione mostra fotografica “La Natura in casa” a cura del Circolo Fotografico Andora

Presentazione “Cucine confidenziali” mostra pittorica dell’artista ed editor Andrej Mussa

Presentazione del Progetto “IBH Italian Botanical Heritage” con Rossana Sessa

 

Sabato

Visite guidate

Ore 17,00: “La favola del pesto ” a cura di uno Chef e dell’esperto Marco Gagliolo, incontro alla fontanella

Ore 19,00: “Passeggiata nel borgo, la scoperta del paesaggio, con macchina fotografica” visita a cura di un fotografo, incontro alla fontanella in mostra.

Conferenze

Ore 16.30 laboratorio Slow Food a cura di Miranda Moroni dell’Osteria del Tempo Stretto di Albenga: “Facciamo la crema di nocciole”

Ore 15,30: “La cipolla Belendina di Andora” a cura dell’esperto Marco Gagliolo e dei produttori

Ore 16,30 : “A fuoco lento, la pentola delle conserve” a cura dei produttori Ada Frattini, Maria Giulia Scolaro, Brunetti Isabella, Giovanni Cervi.

Ore 18,00 : “Vaso di basilico sulla finestra, le collezioni di basilico ” del vivaista Marco Gramaglia

Ore 21,00 : “Le lucciole, alleate degli agricoltori” a cura dell’entomologo Gianfranco Liberti, presentazione della sfida “Fotografare le lucciole” e della mostra fotografica a cura del Circolo Fotografico Andora presso la Cappella in Canonica.

 

Domenica

Ore 9,15 nella Parrocchia della S.S.Trinità: Santa Messa

 

Visite guidate

Ore 8,00: “Raccolta di fiori spontanei per realizzare piccoli centro tavola” con la decoratrice Luciana Tedeschi, Lulla’s Flowers, incontro alla fontanella.

Ore 9,30: “Osservare in paese e nei prati delle fasce le piante tipiche, raccogliere le erbe di campo per riempire il pentolone di erbe da mangiare o lavorarle per prodotti cosmetici e curativi”, partenza dalla fontanella, con la Guida Ambientale Doriana Fraschiroli. Laboratorio presso lo stand dopo la raccolta.

Conferenze

Ore 10,30: “Della natura non si butta nulla” a cura dell’artista della natura Paolo Parlamento, la giornalista Mimma Pallavicini, la decoratrice Luciana Tedeschi

Ore 11,00: “Natura e web, strumenti per conoscere il nostro patrimonio botanico e portarlo tra le mura domestiche” Presentazione di IBH (Italian Botanical Heritage) e IBT (Italian Botanical Trips) a cura della giornalista Rossana Sessa

Ore 12,00: “Fiori nel piatto di casa” del vivaista conservatore di erbe aromatiche Marco Gramaglia

“Il giardino fiorito” della giardiniera e blogger Tiziana Sanna

Ore 14,00: “Racconti : i vecchi orti e i giardini di una volta” a cura dei Vivai Montina

Ore 15,00: Presentazione del libro “La cuoca selvatica” – Bompiani – della scrittrice e ricercatrice Eleonora Matarrese e conferenza dell’autrice su “Le risorse del mondo selvatico”

Ore 16-18.30 “Quattro chiacchiere con i Presidi” a cura del giornalista e socio Slow Food Stefano Pezzini. Ospite: Manuela Ricci – Agriturismo A cà du Ricci – Castelbianco -autoproduzione grano/farina.

Ore 17,00: “Una cipolla per uno, per sorridere” con “Gran Galà della Cipolla Belendina”

Ore 18,00: Premio “IL BARATTOLO”

Laboratori

Sabato e Domenica:

Laboratorio: “Casa nostra e il raccolto nei campi” a cura della raccoglitrice Maddalena Todiere.

Laboratorio: “Pane, erbe, fiori” a cura di Monica Maroglio – Slow Food di Albenga-Finale-Alassio

Momenti insieme:

Sabato, ore 17,00 e Domenica, ore 11,00:

Racconti sulle piante e le collezioni in mostra e guida all’acquisto in visita presso gli stand dei vivaisti, a cura della giardiniera Tiziana Sanna, protagonista del documentario “La giungla di Tiziana” in Geo & Geo e blogger del “Furighedda Gardening”. Presso il suo stand “Parliamo dei semi, raccolta, conservazione e semina”, prenotazioni e punto di incontro all’info point.

 

Momenti attrattivi:

nel racconto per i bimbi della favola del pesto,

nella presentazione di gala della Cipolla Belendina: “Una cipolla per uno, per sorridere”

nell’angolo delle merende naturali con le storie di nonne e nonni,

nella passeggiata sul sentiero con l’asinella Margherita.

Il Ristoro sarà curato, con un menù tradizionale di cucina quotidiana, dalla Pro Loco di Andora, e con il pan fritto del Circolo Nautico di Andora

Servizio navetta dalla Piazza Mercato di Andora alla frazione di Rollo

INFO: Associazione “Amici della Festa delle Erbe” : 339 7233272

Ufficio Turismo e Cultura del Comune di Andora: 0182 68111

 

 

Condividi su

About the Author

Stefano Pezzini
Vecchio cronista alla Stampa, mai saggio...