Andora, una giornata con la Rai per promuovere il pesto al mortaio

Sono bastate le telecamere della Rai regionale, ad Andora con una puntata del suo Tg itinerante, per riaccendere i riflettori sulle eccellenze agroalimentari della Riviera. Eccellenze che Andora, grazie all’attivismo di Marco Gagliolo, innamorato dei sapori e delle suggestione ligustiche, promuove in maniera eccellente.

 

Così il Tg regionale Rai, per un pomeriggio, ha puntato i riflettori sull’originale presepe allestito in spiaggia (dove i Re Magi portano mortai, pestelli, basilico e olio per fare il pesto), sul tappeto verde dove sono disegnate le “campane” (o caselle che dir si voglia) per insegnare ai più piccoli un gioco antico ma, ad Andora, usato come lavagna per insegnare a fare il pesto e promuovere specialità come la cipolla Bellendina, coltivata solo ad Andora, e sulla scuola di pesto dove i piccoli mortai di marmo sono utilizzati dai più piccoli per avvicinarli al pesto al mortaio. Non potevano mancare i Nuotatori del tempo avverso, per un tuffo fuori stagione, e le varie autorità, guidate dal sindaco Demichelis, schierate in spiaggia. Alla fine merenda, a base di pane e olio, per tutti, grandi e piccoli.

Di seguito una breve galleria fotografica.

Condividi su

About the Author

Stefano Pezzini
Vecchio cronista alla Stampa, mai saggio...