Andrea Vitali presenta “A cantare fu il cane” a Borghetto

Venerdì 11 agosto, Andrea Vitali torna nella Sala Marexiano di Borghetto per presenterae il libro “A cantare fu il cane” Garzanti editore, romanzo ambientato nel suo paese natale, sul Lago di Como, un’accattivante indagine intricata e avvincente, ambientato negli anni ’30, in cui le tresche di paese si intrecciano gli sforzi dei carabinieri, e il pettegolezzo si propaga come le onde del lago, ghiotto di ogni curiosità. A cantare fu il cane ci offre una delle storie più riuscite di Andrea Vitali. I misteri e le tresche di paese, gli affanni dei carabinieri e le voci che si diffondono incontrollate e senza posa, come le onde del lago, inebriate e golose di ogni curiosità, come quella della principessa eritrea Omosupe, illusionista ed escapologa, principale attrazione del circo Astra per le sue performance, ma soprattutto per il suo ombelico scandalosamente messo in mostra. E per la quale, così si dice, ha perso la testa un giovanotto scomparso da casa.

“Il losco figuro avvistato dalla signora e acciuffato dalla guardia è Serafino Caiazzi, noto tanto per i piccoli reati quanto per le sue incapacità criminali, che sono spesso causa dei suoi fallimenti. Sembra logico dedurre che il ladro debba essere lui, ma il maresciallo ha bisogno di prove e decide di porgere visita alla signora Diachini in Panicarli che, purtroppo, non risponde al campanello; in sua vece risponde il cane, un bastardino ringhioso e aggressivo che incute non poco timore nel maresciallo”…

Coordinerà la presentazione Graziella Frasca Gallo. 

                    

                

            

        

Condividi su

About the Author

Stefano Pezzini
Vecchio cronista alla Stampa, mai saggio...