“Autoctono si nasce”, i vini del Ponente in mostra a Milano con Go Wine

 

L’associazione Go Wine inaugura l’anno 2020 a Milano, giovedì 23 gennaio, con l’ormai tradizionale appuntamento dedicato ai vini autoctoni italiani: una serata di degustazione che raggiunge a gennaio il traguardo della dodicesima edizione. Tra i partecipanti anche i vini liguri grazie alla presenza di Vite in Riviera che porterà pigato, vermentino, rossese di Albenga, Dolceacqua, ormeasco, granaccia e tutti i vini del Ponente. 

Sarà possibile conoscere ed apprezzare una selezione importante di vini da vitigni autoctono, con un panorama di etichette articolato e dando voce a varietà da scoprire. Il riferimento è legato al libro “Autoctono si nasce…” pubblicato anni fa da Go Wine Editore e ad altre iniziative che hanno sempre visto l’associazione privilegiare la cultura e la comunicazione a favore dei vitigni-vini di territorio. Nelle sale dell’Hotel Michelangelo (Hotel Michelangelo – Piazza Luigi di Savoia, 6 – Milano) sarà presentato un banco d’assaggio con una qualificata selezione di aziende italiane direttamente presenti; un’enoteca completerà il panorama della degustazione. Un’importante selezione di vini, espressione di terroir nascosti e dai sapori nuovi, per un irripetibile viaggio tra i più insoliti e rari autoctoni italiani. Un’importante selezione di vini, espressione di terroir nascosti e dai sapori nuovi, per un irripetibile viaggio tra i più insoliti e rari autoctoni italiani.

Programma

Ore 15,30 -18,30: Anteprima: degustazione riservata ad operatori professionali (giornalisti, enoteche, ristoranti, wine bar)

Ore 18,30 – 22,00: Apertura del banco d’assaggio al pubblico di enoappassionati

Nel corso della serata breve conferenza di presentazione

 

Le cantine protagoniste al banco d’assaggio

Alessandro di Camporeale – Camporeale (Pa); Barattieri di San Pietro – Vigolzone (Pc); 

Benforte – Cupramontana (An); Binè – Novi Ligure (Al); Bugno Martino – San Benedetto Po (Mn); 

Cantina del Frignano – Serramazzoni (Mo); Cantina Ogliastra – Tortolì (Nu); 

Cantina Santadi – Santadi (Su); Casa Setaro – Trecase (Na); Cascina Castlèt – Costigliole d’Asti (At); 

Cieck – San Giorgio Canavese (To); Cipressi – San Felice del Molise (Cb); 

Castelluccimiano – Valledolmo (Pa); Club del Buttafuoco Storico – Canneto Pavese (Pv); 

Collis Cantina Veneta – Monteforte d’Alpone (Vr); Conati – Fumane (Vr); 

Consorzio del Soave – Soave (Vr); Consorzio Lessini Durello – Soave (Vr); 

Conti Zecca – Leverano (Le); Marisa Cuomo – Furore (Sa); De Tarczal – Isera (Tn); 

Domus Hortae – Orta Nova (Fg); Fattoria di Magliano – Lucca (Lu); 

Fiorini – Terre Roveresche (Pu); I Pastini – Locorotondo (Ba); 

La Tordera – Vidor (Tv); Le Crêtes – Aymavilles (Ao); Le Strie – Teglio (So); 

Lunae Bosoni – Castelnuovo Magra (Sp); Fausta Mansio – Siracusa (Sr); 

Marengoni – Ponte dell’Olio (Pc); Marinig – Prepotto (Ud); Diego Morra – Verduno (Cn); 

Murales – Olbia (Ss); Ocone I Vini del Sannio dal 1910 – Ponte (Bn); Pileum – Piglio (Fr); 

Piovani Massimo – Canneto Pavese (Pv); Poggiolella – Orbetello (Gr); Rossovermiglio – Paduli (Bn); 

Scubla – Premariacco (Ud); Stanig – Prepotto (Ud); Su’Entu – Sanluri (Su); 

Tenuta Stella – Dolegna del Collio (Go); Torre Fornello – Ziano Piacentino (Pc); 

Tre Monti – Imola (Bo); Vadiaperti – Solofra (Av);

Varvaglione 1921 – Leporano (Ta); Vigna du Bertin – Carloforte (Su); 

Vignai del Casavecchia – Pontelatone (Ce); Zaccagnini – Bolognano (Pe).

 

Piccole Vigne del Piemonte con le cantine:

Baldissero – Treiso (Cn); Ugo Balocco – San Marzano Oliveto (At); 

Ca ed Curen – Mango (Cn); Cascina delle Rocche di Moncucco – S. Stefano Belbo (Cn); 

Cascina Sant’Eufemia – Sinio (Cn); Luca Ferraris – Castagnole Monferrato (At); 

Gili Raffaele – Castellinaldo d’Alba (Cn); Vigna Riccardo – Montà (Cn); Virna – Barolo (Cn)

 

Vite in Riviera (Liguria)

Nata nell’ottobre 2015, Vite in Riviera raggruppa ben 25 aziende vitivinicole ed olivicole, ubicate tutte tra le provincie di Savona e Imperia, con l’obiettivo di divulgare e promuovere i vini e gli oli liguri della Riviera di Ponente. In degustazione una straordinaria selezione di etichette, espressione dei principali vitigni autoctoni delle cantine:

A Maccia – Ranzo; Anfossi Luigi Blaise – Albenga; Arnasco – Arnasco; Biovio – Albenga;

Bruna – Ranzo; Cantine Calleri – Albenga; Cascina Nirasca – Pieve di Teco; 

Cascina Praiè – Andora; Coop. Viticoltori Ingauni – Ortovero; Durin – Ortovero; 

Enrico Dario – Bastia d’Albenga; Feipu dei Massaretti – Albenga; Foresti – Camporosso; 

Guglierame – Pornassio; Innocenzo Turco – Quiliano; La Vecchia Cantina – Salea d’Albenga; 

Lombardi – Terzorio; Podere Grecale – Bussana Sanremo; Poggio dei Gorleri – Diano Marina; 

Ramoino – Chiusavecchia; Sartori di Dulbecco – Albenga; Sommariva – Albenga; 

Tenuta Maffone – Pieve di Teco; Vio Claudio – Vendone.

 

Viti, Vignaioli in Terre di Irpinia con le cantine:

Cantina Del Barone – Cesinali (Av); Cantine Dell’Angelo – Tufo (Av); 

Il Cancelliere – Montemarano (Av)

 

Ecco gli oltre 70 vitigni autoctoni che incontrerete nel calice:

Aglianico (Campania); Albana (Emilia Romagna); Albarola (Liguria); Ancellotta (Lombardia); 

Ansonica (Toscana); Arneis (Piemonte); Barbera (Piemonte); Biancame (Marche); 

Bianco d’Alessano (Puglia); Bovale (Sardegna); Cannonau (Sardegna); Caprettone (Campania); 

Carignano (Sardegna); Casavecchia (Campania); Cesanese (Lazio); Coda di Volpe (Campania); 

Catarratto (Sicilia); Cortese (Piemonte); Corvina (Veneto); Croatina (Piemonte e Lombardia); 

Dolcetto (Piemonte); Durello (Veneto); Erbaluce (Piemonte); Falanghina (Campania); Fiano (Campania); 

Freisa (Piemonte); Friulano (Friuli); Garganega (Veneto); Glera (Veneto); Granaccia (Liguria); 

Greco (Campania); Grillo (Sicilia); Lambrusco Grasparossa (Emilia Romagna); 

Lambrusco Salamino (Lombardia); Lumassina (Liguria); Malbo Gentile (Emilia Romagna); 

Malvasia Bianca (Puglia); Malvasia Istriana (Friuli); Malvasia di Candia (Emilia Romagna); 

Malvasia Nera (Puglia); Marzemino Gentile (Trentino); Minutolo (Puglia); Montepulciano (Abruzzo); 

Moscato bianco (Sicilia); Moscato Giallo (Lombardia e Trentino); Moscato (Puglia); Nasco (Sardegna); 

Nebbiolo (Piemonte e Lombardia); Negroamaro (Puglia); Nero di Troia (Puglia); 

Ortrugo (Emilia Romagna); Pallagrello Bianco (Campania); Passerina (Lazio); Pecorino (Abruzzo); 

Pelaverga (Piemonte); Perricone (Sicilia); Petite Arvine (Valle d’Aosta); 

Petite Rouge (Valle d’Aosta); Piedirosso (Campania); Pigato (Liguria); Primitivo (Puglia); 

Pugnitello (Toscana); Refosco dal Peduncolo Rosso (Friuli); Ribolla Gialla (Friuli); 

Ripoli-Fenile-Ginestra (Campania); Rossese (Liguria); Ruchè (Piemonte); 

Sangiovese (Emilia Romagna, Toscana e Marche); Schioppettino (Friuli); 

Tintilia (Molise); Trebbiano (Abruzzo); Uvalino (Piemonte); Uva Rara (Lombardia); 

Uva Tosca (Emilia Romagna); Verdeca (Puglia); Verdicchio (Marche); 

Vermentino (Liguria, Sardegna e Toscana); Vespolina (Lombardia).

 

Come partecipare

Il costo della degustazione per il pubblico è di € 20,00 (€ 13,00 Soci Go Wine, Rid. soci associazioni di settore € 18,00). L’ingresso sarà gratuito per coloro che decideranno di associarsi a Go Wine direttamente al banco accredito della serata (benefit non valido per i soci familiari). L’iscrizione sarà valevole fino al 31 dicembre 2020. 

 

 per una migliore accoglienza è consigliabile confermare la presenza ed il numero degli accompagnatori a Go Wine, telefonando al n°0173/364631 oppure inviando una e-mail a stampa.eventi@gowinet.it entro le ore 12 di giovedì 23 gennaio p.v..

 

Condividi su

About the Author

Stefano Pezzini
Vecchio cronista alla Stampa, mai saggio...