Biowatching autunnale nelle faggete del Beigua

Immaginiamo sempre l’autunno come una stagione lenta, in cui i ritmi della natura a poco a poco si abbassano per avviarsi al riposo invernale. Invece è questo il periodo in cui le faggete si risvegliano dopo l’estate: il sottobosco brulica di vita e si possono incontrare rane e salamandre e non è difficile scorgere tra le foglie funghi di tante forme e colori. E poi basta alzare lo sguardo per restare ammaliati dalle sfumature del foliage.

Domenica 18 ottobre dunque, insieme alla Guida del Parco ed esperto naturalista, ci dedicheremo al biowatching, l’osservazione attenta della natura, attraversando le faggete sommitali del Beigua, da Pratorotondo verso Piampaludo, 

L’escursione, adatta a tutti, durerà l’intera giornata con pranzo al sacco. Prenotazione obbligatoria on-line entro sabato alle ore 12, fino ad esaurimento dei posti disponibili.

I Beigua Junior Geoparker invece si danno appuntamento sabato 17 ottobre, sempre a Pratorotondo, per andare a caccia di rocce incise; un suggestivo laboratorio didattico nel bosco per decifrare i segni lasciati dall’uomo sulle pietre migliaia di anni fa. È obbligatoria la prenotazione on-line entro venerdì alle ore 18, restano ancora alcuni posti. 

Ultimo weekend utile, infine, per le visite guidate gratuite alla Badia di Tiglieto il sabato pomeriggio e l’intera giornata di domenica: la prenotazione va effettuata on-line entro il giorno precedente il turno scelto. Ma è solo un arrivederci a dicembre, quando l’abbazia cistercense riaprirà per accompagnarci fino a Natale.

Per informazioni: tel. 393.9896251 (Guide Coop. Dafne) – www.parcobeigua.it

 

Tutte le iniziative del programma autunnale sono finanziate  nell’ambito dell’accordo Regione Liguria – MATTM per la costruzione della Strategia regionale per lo Sviluppo Sostenibile.

c.s.

 

Condividi su

About the Author

Stefano Pezzini
Vecchio cronista alla Stampa, mai saggio...