Chef Nicolai, dalla Danimarca ad Albenga, da Londra a Cascina Praiè nel nome dell’eccellenza ligure

E’ stato, per tutta l’estate, uno dei grandi protagonisti del gusto ligustico alla guida del ristorante di Cascina Praie, Nicolai Bendtson, classe 1992, nasce in Danimarca, ma si trasferisce in Italia a 8 anni, nell’entroterra di Albenga. Appassionatosi alla cucina dopo numerosi inviti a pranzo a casa delle “nonne” italiane di amici a mangiare buon cibo della tradizione. Qui, lo colpisce e affascina l’ossessione italiana per il cibo, argomento preponderante e topico della giornata tipo di qualsiasi persona (lo chef dice: “ricordo ancora gli amici che durante il pranzo chiedevano ai genitori cosa avrebbero mangiato per cena”). 

“In Danimarca non è poi così importante” racconta… Inizia a lavorare come gelatiere per diversi anni mentre frequenta gli studi di economia all’Università di Genova, per poi passare a barista e infine cameriere. “Mi sono reso conto che quello che stavo facendo e studiando non erano di mio interesse, e avendo da sempre grande curiosità per il cibo ho deciso di iniziare a dedicarmi alla cucina dove ho lavorato inizialmente come cameriere  in un tipico ristorante dell’entroterra ligure  per poi trasferirmi prima un paio di mesi a Parma (grande terra di cultura culinaria)”.

Ma il grande salto è stato scegliere Londra, dove ha iniziato a lavorare nei migliori ristoranti della City prima da “Roka Charlotte street” (uno dei migliori e ristoranti giapponesi di Londra) come demi-chef. “Dopo 8 mesi sono andato al famoso club privato “the Ivy club”. (Posto frequentato dai Vip di tutto il mondo) per poi lasciarlo un anno dopo per una grande offerta come sous-chef  in un 2 stelle Michelin, “The Capital”, sotto la gestione di Adam Simmonds, anche sede dell’albergo 5 stelle famosissimo per il suo  afternoon tea, dove soleva trascorrere i pomeriggi non  meno della Principessa Lady Diana”, racconta.

“Dopo aver passato poco meno di un anno (molto intenso e sfidante) al The Capital sono infine ritornato all’IVy club come sous chef poiché richiamato dall’head chef anche con l’opportunità di strutture l’ambiente per poter fare catering privato in collaborazione dell’altro sous-chef nelle ville dei prestigiosi clienti del club. Ho deciso di ritornare alle origini e alla Liguria e lasciare Londra poiché entusiasta del mondo e della filosofia PEQ AGRI, azienda giovane e intraprendente del territorio. Il fatto di andare via da una grande metropoli dove vedi la materia prima soltanto su uno scaffale di un supermercato, ad andare in prima persona a raccogliere le verdure nell’orto è qualcosa che mi fa sentire vivo e parte integrante della natura”, conclude. 

Un ritorno a casa, un ritorno alle origini, un ritorno alla natura….

Elisa Pugliese

 

Condividi su

About the Author

Stefano Pezzini
Vecchio cronista alla Stampa, mai saggio...