“Cosa leggi? Osborne” in scena all’Antico Teatro Sacco

Sabato 9 novembre alle 21, andrà in scena all’Antico Teatro Sacco di Savona “Cosa Leggi? Osborne”, scritto e diretto da Ferruccio Masci, con Federico Avenoso, Sacha Guastavino, Caterina Giusto, Consuelo Palliola, Giulia Minetto. Produzione Compagnia Teatrale di Proteo. Info e prenotazioni tel: 331.77.39.633 oppure 328.65.75.729 email: info@teatrosacco.com Per rispettare la normativa vigente sulla sicurezza, il Teatro ha una disponibilità di posti a sedere limitata, pertanto è molto gradita la prenotazione. 

Una commedia in tre atti che rinvia, non solo nel titolo, all’opera di Osborne ‘Ricorda con rabbia”. A parte essere strutturata in tre atti, anche l’ambientazione all’interno di una abitazione dove vive una coppia complicata con un amico comune, ricalca le orme del testo inglese collocabile nell’età della crisi anglosassone post bellica.

Ma da qui in avanti tutto diviene assolutamente attuale, espressione della realtà emotiva di una crisi non solo di sistema, non solo economico sociale, ma soprattutto di senso. Una commedia esistenziale nei modi più prossimi alle peculiarità relazionali del terzo millennio.

Così il linguaggio scenico diviene veloce e graffiante, aggressivo e dolce, altalenante come l’esistenza e vero, feroce e coinvolgente come la vita. Ogni personaggio è portatore sano di esistenze più o meno malate, o forse stato patologico di una vita che si vorrebbe sana, necessariamente esplodono conflitti, passioni, dubbi, desideri, sogni sconfitte, tutte allo stesso livello di dignità esistenziale. Il ritmo triadico consente di praticare tagli profondi nella tela della rappresentazione fino a renderla emotivamente pluridimensionale; ai primi due atti, spietatamente realistici, fa seguito un tempo di chiusura che oscilla tra il momento surreal psicologico di apertura e l’epilogo riflessivo ed assurdo che prelude ad una chiusa caustica e malinconica come il sorriso di Monna Lisa.

 

Condividi su

About the Author

Stefano Pezzini
Vecchio cronista alla Stampa, mai saggio...