free web stats

Da Re Carciofo una cena a quattro mani con Vignamare nel nome della Liguria

Quando, poche settimane or sono, avevamo saputo dell’accordo tra Peq Agri (traduzione: gruppo imprenditoriale nel settore agricolo con, nel comparto vitivinicolo, bollicine, pigato, vermentino, ormeasco, rossese di cantine prestigiose come Lupi, Guglierame, Cascina Praie, Berry & Berry) ed Enzo Bellissimo (traduzione:il popolare Re Carciofo dell’omonima prestigiosa Cantina, nel senso di locale, di piazza San Francesco nel centro storico di Albenga) per una collaborazione all’insegna del gusto ligure non avevamo avuto dubbi: ne vedremo delle belle!

La prima, in effetti un po’ a sorpresa, arriverà lunedì 22 aprile con una serata a quattro mani tra i due chef che guidano il ristorante stellato (verde e “normale”) Vignamare di Andora, Giorgio Servetto, e lo chef che guida la cucina della Cantina di Re Carciofo, Andrea Masala. Curiosità: Andrea è stato il successore di Giorgio alla guida della Locanda dell’Asino ad Alassio, anni fa,ma questa è un’altra storia…

La storia di oggi, anzi, di lunedì, è che sotto la “serra cabriolet” di piazza San Francesco il menù concordato tra i due chef è, a dir poco, intrigante, studiato per valorizzare i prodotti,meglio definirli eccellenze, delle Piane, quella di Albenga e quella di Andora: si apre con il prosciutto crudo 24 mesi, e vabbè, quello non è ligure, ma di Renzini, la Rolls Royce del crudo di Parma, poi la bagna cauda fredda (in pratica il machetto, antenato di tutte le salse al mortaio della Liguria) con le verdura dell’orto (degli orti di Peq Agri…), e ancora il calamaro ripieno, il carciofo spinoso di Albenga e la maggiorana. E ancora l’uovo di ruspante (intesa come gallina, ovviamente), asparagi viola, schiuma di aglio di Vessalico e tartufo e, a seguire, cappelletti…fave, salame e pecorino 15 mesi. Si continua con l’agnello arrosto e il sedano rapa, mentre il dolce sembra (ma solo sembra…) diventare acidulo con il limone nostrano e il basilico. Per chiudere il caffè, selezione Pasqualini. I vini in abbinamento sono, svsd, di Peq Agri: Andalora brut Praiè-Lupi, pigato “Petraie” Lupi, Sciurbì Doc Pariè-Lupi, Vignamare Moscatello di Taggia Lupi. Il costo, a persona, è di 80 euro vini compresi.

Prenotazione necessaria al 335 6871785


About the Author

Stefano Pezzini
Vecchio cronista alla Stampa, mai saggio...