“Extremum” dell’oleificio Cassini unico olio ligure in finale per l’Ercole Olivario

È “Extremum” monocultivar Taggiasca, dell’Azienda Cassini Paolo, l’unico olio della Liguria a  superare le selezioni regionali ed a concorrere per il premio nazionale Ercole Olivario. Il concorso ha infatti un disciplinare molto rigido, che da questa edizione, ha dato la possibilità di entrare in finale, soltanto a coloro che hanno ricevuto un punteggio pari o superiore a 70/100 alle selezioni regionali.

E’ iniziato il 20 aprile, infatti, il viaggio virtuale in Italia, attraverso le regioni ad alta vocazione olivicola dell’Ercole Olivario; la 25° tappa è stata a Isolabona (Im) la “Perla della Val Nervia”, tipico borgo montano ligure collocato su un isolotto del fiume Nervia, dove ha sede l’azienda Cassini Paolo una piccola azienda a conduzione familiare che coltiva da generazioni ulivi di varietà Taggiasca, con l’obiettivo di migliorare ogni annata i particolari per ottenere sempre un prodotto che si distingua e che abbia caratteristiche uniche.

L’azienda e l’olio finalista sono stati svelati attraverso i canali ufficiali facebook e instagram (www.facebook.com/premioercoleolivario,www.instagram.com/ercoleolivario), dell’Ercole Olivario che, da quest’anno, per la prima volta nella storia del concorso, ogni giorno farà tappa nelle regioni ad alta vocazione olivicola fermandosi in quei luoghi e in quei piccoli Comuni, dove ha sede l’azienda #finalistaercoleolivario2020 che ha scelto di fare del proprio olio un ambasciatore di alta qualità,.

Appena sarà possibile, si terrà la premiazione ufficiale del Premio Nazionale Ercole Olivario che darà riconoscimento, quest’anno, ai primi classificati di ciascuna delle due categorie in gara (DOP/IGP ed EXTRA VERGINE) per le tipologie fruttato leggero, fruttato medio e fruttato intenso.

Gli altri conferimenti quest’anno saranno:

la Menzione di Merito Giovane Imprenditore, che andrà ai migliori titolari under 40 degli oli ammessi in finale con un punteggio superiore a 75/100;

il Premio Speciale Amphora Olearia, all’olio finalista che recherà la migliore confezione (secondo i parametri stabiliti dal regolamento);

la Menzione Speciale “Olio Biologico”, al prodotto, certificato a norma di legge, che otterrà il punteggio più alto tra gli oli biologici finalisti;

la Menzione “Olio Monocultivar” (dedicata all’olio monocultivar che ha ottenuto il punteggio più alto).

Il Premio Ercole Olivario è organizzato dall’Unione Italiana delle Camere di Commercio, Industria, Artigianato e Agricoltura, in collaborazione con la Camera di Commercio di Perugia e il sostegno del Sistema Camerale Nazionale, delle associazioni dei produttori olivicoli, degli enti e delle istituzioni impegnate nella valorizzazione dell’olio extravergine di oliva italiano di qualità.

Condividi su

About the Author

Stefano Pezzini
Vecchio cronista alla Stampa, mai saggio...