“Frontiera Judaica”, cedri e palme, i rapporti tra ebrei e liguri in un libro di Carassale e Littardi presentato a Cervo

 Si intitola “Frontiera Judaica” il nuovo libro che gli autori e curatori, gli studiosi Alessandro Carassale e Claudio Littardi presentano lunedì 16 agosto alle 19 a Cervo, in piazza Alassio. Conduce il professor Giovanni Peirone (IIS Ruffini, Imperia). Un “viaggio” per scoprire la storia millenaria dei cedri e delle palme nel Ponente ligure, uno spazio fluido, animato da una frontiera permeabile, da sempre aperta agli scambi di merci e uomini.

Spiegano Carassale e Littardi: “Un contesto dove gli ebrei sono stati attori non secondari e capaci di relazionarsi con le istituzioni e gli operatori locali. Almeno dal XV secolo emissari ebraici hanno iniziato ad attraversare l’Europa per raggiungere Sanremo e Bordighera, dove poter acquistare i cedri più belli e le foglie di palma rituali. Piante a cui, fin da epoche remote, gli ebrei attribuiscono un’importante funzione simbolica. Foglie di palme e frutti di cedro, unitamente a rami di mirto e salice, servono a formare il tradizionale lulav, per la celebrazione della Festa delle Capanne (Sukkoth), di cui narra il Vecchio Testamento. Un simbolo identitario che ha riunito per millenni le comunità ebraiche nella loro intima fedeltà rituale. Una storia affascinante, che per secoli è stata anche un’importante fonte di reddito per la comunità ponentina, al punto di modificare il paesaggio agrario in funzione di queste coltivazioni. Una trasformazione territoriale che accoglierà con il suo fascino esotico i primi turisti stranieri, che scopriranno così la Gerico d’Europa, dando vita all’industria del forestiero. Si ripercorreranno le tappe della genesi di questo paesaggio sorprendente e unico, narrando una storia quasi dimenticata, fatta di uomini, piante e tecniche agronomiche, un prezioso patrimonio culturale da salvaguardare e conservare”.

“Frontiera Judaica” è stato curato da Alessandro Carassale e Claudio Littardi, e hanno contribuito autori (italiani e francesi), docenti e ricercatori presso università o enti di ricerca: Gian Paolo Lanteri, Luciano Maffi, Antonio Musarra, Angelo Nicolini, Jean-Louis Panicacci, Simonetta Tombaccini, Paolo Veziano, Andrea Zanini, Andrea Zappia.

 

Condividi su

About the Author

Stefano Pezzini
Vecchio cronista alla Stampa, mai saggio...