Genova Beer Festival con i birrifici artigianali a Villa Bombrini

Oltre 100 birre alla spina, 16 tra i migliori birrifici artigianali italiani e 9 stand gastronomici. E’ un programma denso di degustazioni, laboratori, conferenze quello della quarta edizione del Genova Beer Festival, l’evento che organizziamo nella settecentesca Villa Bombrini di Cornigliano (via Muratori 5) venerdì 19 (ore 18-01.30), sabato 20 (ore 12-01.30) e domenica 21 ottobre 2018 (ore 12 – 22).

 

LE BIRRE

Il focus sono le birre artigianali, che saranno protagoniste grazie a 16 birrifici provenienti da tutta Italia. In totale, saranno quasi 150 le birre alla spina che si alterneranno nella tre giorni: spazio alla nuova ondata delle luppolate, ma non mancheranno ottime birre a bassa fermentazione, così come i più classici stili belgi e inglesi.

  • Altavia (Sassello, SV)
  • Birrificio Scarampola (Millesimo, SV)
  • Fabbrica della Birra Busalla (Busalla, GE)
  • Maltus Faber (Genova)
  • Nadir (Sanremo, IM)
  • Argo (Lemignano di Collecchio, PR) NEW
  • Batzen (Bolzano) NEW
  • Birrificio di Cagliari (Cagliari) NEW
  • Birrificio Italiano (Lurago Marinone, CO)
  • Birrificio Mastino (San Martino Buon Albergo, VR) NEW
  • Birrificio del Forte (Pietrasanta, LU) NEW
  • Brewfist (Codogno, LO)
  • Canediguerra (Alessandria)
  • Cr/aK (Campodarsego, PD) NEW
  • Eastside Brewing (Latina, LT)
  • Kamun (Predosa, AL)

 

IL FOOD

Ad accompagnare le birre, una proposta gastronomica pensata per l’abbinamento con malti e luppoli. Tante conferme e gradite novità.

  • Ai troeggi – bruschette
  • Beefolchi – pulled pork NEW
  • Il Genovese – trofie al pesto
  • Kowalski – gulash e cucina dell’Est
  • Masetto –  hamburger
  • Pastificio Bovio – ravioli di brasato alla birra, cima, torte di verdura
  • Jalapeño – tapas NEW
  • UVA (Urban Vineyard Area) – cartocci di pesce fritto
  • Viganotti – cioccolato, pasticceria e gelato NEW

 

INFO

La formula resta quella a gettoni, che saranno l’unica moneta utilizzabile all’interno del festival (anche per gli stand gastronomici). All’ingresso – € 6; gratuito per i soci dell’Associazione Culturale Papille Clandestine (ci si può associare in loco a 10 € ed entrare liberamente tutti e tre i giorni) – si viene forniti di bicchiere, tracolla e guida al festival. I gettoni danno diritto a 10 cl (1 €) o 20 cl (2 €) di birra. Ogni birrificio potrà presentare alcune vie di birra speciale, il cui prezzo sarà a discrezione del birraio.

Ricordiamo che il regolamento di Villa Bombrini non ammette l’ingresso dei cani.

La manifestazione si svolge all’interno della Villa e negli spazi esterni adiacenti. L’allestimento esterno è stato concepito per permettere agli avventori di godersi la manifestazione anche in caso di pioggia.

 

IL PROGRAMMA

Come sempre ricco il programma, con laboratori, degustazioni e conferenze per conoscere meglio un mondo sempre più vasto e vario. Ma anche visite guidate alla villa (sabato e domenica ore 16) e area lab bambini gratuita a cura dell’Associazione Culturale La Giostra della Fantasia (sabato e domenica, nel pomeriggio: la domenica soprattutto è una vera festa per le famiglie).

Saranno 30 gli homebrewers, provenienti anche da fuori regione, che domenica (ore 12) porteranno le loro birre prodotte in casa in assaggio ad una giuria di esperti presieduta da Simone Cantoni, docente Slow Food e giudice all’evento Birra dell’Anno. Mentre si moltiplicano i lab: da quelli a ingresso libero dedicati all’avvicinamento alla degustazione, ai tanti momenti legati all’abbinamento cibo-birra (si proverà ad abbinare il cioccolato, le ostriche, i sigari), fino all’atteso appuntamento con i piatti d’autore dei migliori chef genovesi abbinati alle birre del festival. Particolare anche il lab proposto da Scientificast, che proporrà un avvicinamento sensoriale (e divertente) alla bevanda.

 

NON SOLO BIRRA

Tutto il ricavato delle magliette ufficiali del festival, il cui disegno è stato donato dallo Studio Grafico Rebigo, andrà al Comitato Sfollati di via Porro e via Campasso, che hanno perso le loro case per il crollo del Ponte Morandi.

Ancora solidarietà, con il banchetto presidiato dall’associazione RP Liguria – Associazione per la Retinite Pigmentosa e altre malattie della Retina (www.rpliguria.org).

 

Condividi su

About the Author

Stefano Pezzini
Vecchio cronista alla Stampa, mai saggio...