Giuseppe Genco

Questa settimana Paolo Tavaroli, presidente e anima del Circolo fotografico San Giorgio, ci propone ancora una bella e suggestiva  fotografia di un socio storico, grande artista!.

“Giuseppe Genco, autore riflessivo e originale, quasi come un itinerario fotografico zen, continua a presentare un suo lavoro non privo di ironia dove, riducendo all’essenziale le linee e le forme, pur tratte dalla realtà di tutti i giorni, conduce a una riflessione che ha del filosofico. In questa sua ultima immagine che va ad arricchire un porfolio assai apprezzato e qualche volta premiato, è l’homo viator ripreso nella sua piccolezza e finitudine, il protagonista infimo ma  non perso nell’infinito mistero. Il pellegrino delle scienze e della fede, della lotta all’esistenza,  cammina su una traccia, un piccolo binario: egli non può cessare di errare con determinazione, convinto di una destinazione di qualche tipo. In fondo siamo immersi nel candore di una grande luce e il nero come il buio è solo una luce minore”.

Condividi su

About the Author

Stefano Pezzini
Vecchio cronista alla Stampa, mai saggio...