Gramsci, un “cervello da rinchiudere in prigione” ricordato ad Albenga

Il titolo è tratto da una delle più belle e famose poesie civili di Pier Paolo Pasolini: “Le ceneri di Gramsci”, ma, subito dopo, c’è il sottotitolo: Ciò che è vivo e ciò che è morto, ad 80 anni dalla scomparsa. SI tratta di un incontro che si svolgerà venerdì 26 maggio alle 17,30 a palazzo Oddo di Albenga, con l’intervento dello storico Pier Franco Quaglieni e dei docenti Gianni Ballabio e Gianni Zanelli. Milli Conte leggerà due lettere dal carcere di Gramsci mentre Maria Vittoria Barroero coordinerà l’incontro. L’incontro è promosso dal Centro Pannunzio Nazionale, la Città di Albenga, il DLF di Albenga, la FIVL di Alassio, l’ANPI di Albenga.Spiega Barroero: “Sarà un dibattito storico fuori da ogni mitizzazione perché ad 80 anni dalla morte del grande sardo è indispensabile leggere la sua opera storica e letteraria, nonché il suo pensiero politico, alla luce anche della realtà di oggi, dopo,ovviamente averlo contestualizzato nell’epoca in cui egli ha operato, sofferto e vissuto. Certo andrà anche ricordato l’uomo che scelse l’antifascismo e venne incarcerato dal regime in modo crudele”. Mussolini, è bene ricordarlo, disse che bisognava “tenere in carcere quel cervello”, riferendosi a Gramsci (fondatore, tra l’altro, del giornale l’Unità). 


Aggiunge Quaglieni: “Niente icone laiche da venerare che sarebbero un vero ossimoro, ma verifiche storiche all’insegna della pluralità di posizioni dei diversi relatori. Gramsci è stato un grande pensatore politico del ‘900 che va oggi avvicinato con spirito critico, l’unico che consenta di capirne il valore autentico, anche rispetto a uomini a lui contemporanei come Turati. Già il richiamo nel tema al titolo pasoliniano del 1957, le “Ceneri di Gramsci”, indica lo spirito dell’iniziativa a cui invitiamo i giovani delle scuole superiori di Albenga e di Alassio. Gramsci amava molto la storia e riflettere su di lui in modo storico è il miglior modo per ricordarlo degnamente”.

E per omaggio a Pasolini pubblichiamo uno stralcio della sua poesia:

…”Lo scandalo del contraddirmi, dell’essere con te e contro te; con te nel core,

in luce, contro te nelle buie viscere;

del mio paterno stato traditore

– nel pensiero, in un’ombra di azione – mi so ad esso attaccato nel calore

degli istinti, dell’estetica passione; attratto da una vita proletaria

a te anteriore, è per me religione

la sua allegria, non la millenaria sua lotta: la sua natura, non la sua coscienza: è la forza originaria

dell’uomo, che nell’atto s’è perduta, a darle l’ebbrezza della nostalgia, una luce poetica: ed altro più

io non so dirne, che non sia giusto ma non sincero, astratto amore, non accorante simpatia…”…
 

Condividi su

About the Author

Stefano Pezzini
Vecchio cronista alla Stampa, mai saggio...