I globicefali (rari cetacei) inaspettati protagonisti di un docufilm davanti alla Gallinara

Di Giò Barbera

I filmmaker di Artescienza sono stati protagonisti di un avvistamento sorprendente: hanno incontrato un grosso branco di globicefali, conosciuti con il nome scientifico di Globicephala melas al largo dell’isola Gallinara. L’incontro è avvenuto durante le riprese del docu-film sui mammiferi marini Bartleby, la balena; il progetto, finanziato con le risorse del POR FERS Liguria 2014-2020, ha coinvolto i filmmakers in una serie di missioni in mare a bordo dell’imbarcazione dei ricercatori di Menkab – il respiro del mare e ha come obiettivo raccontare quanto sia straordinaria la natura che abbiamo vicino alle nostre coste. Il mare che abbiamo di fronte è un luogo sorprendente, che merita di essere conosciuto: poco lontano dalle nostre case e dalle nostre città vivono gli animali più grandi del pianeta e qui si ritrovano molte altre specie, non solo animali ma anche vegetali, all’interno di un ambiente tanto ricco quanto fragile.

L’incontro con i globicefali è stata l’occasione per sperimentare forme di racconto originali, combinando la fiction con il linguaggio documentaristico; l’attrice Francesca Frassetto ha così interpretato la sua parte e interagito con questi straordinari animali selvatici. Co- protagonisti d’eccezione i globicefali, animali confidenti e socievoli, che hanno affiancato l’imbarcazione di Menkab per alcune ore e facilitato il lavoro della troupe. «I globicefali – spiega il biologo di Menkab Biagio Violi – sono i delfinidi più grandi del Mediterraneo e possono raggiungere i 6 metri di lunghezza; vivono in zone a largo, in prossimità di montagne sottomarine e scarpate continentali dove vanno a nutrirsi di calamari. Sono animali confidenti, e questo ha permesso di fare un ottimo lavoro anche dal punto di vista scientifico, fotografando le pinne per identificarle e catturando le immagini aeree per la stima della lunghezza». Racconto e divulgazione, queste le due premesse del progetto, per scoprire la meraviglia del quotidiano: Samuele Wurtz, filmmaker di Artescienza, spiega che «spesso, quando guardiamo il nostro paesaggio – quello in cui siamo nati o viviamo – non ci accorgiamo di quanto sia ricco e coinvolgente. Se solo riscoprissimo con stupore e curiosità il quotidiano, oltre che lo straordinario, forse potremmo vivere un’esistenza più armoniosa con il mondo che ci ospita».

Condividi su

About the Author

Stefano Pezzini
Vecchio cronista alla Stampa, mai saggio...