I risultati del progetto Antea sui fiori eduli presentati a Badalucco assieme al libro “I fiori dalla terra al piatto”

Con un incontro con la partecipazione di studiosi, produttori, chef e giornalisti sono stati presentati a Badalucco, presso il Ristorante Le Macine Del Confluente i risultati del progetto “Interreg Alcotra Antea” per la promozione della filiera emergente dei fiori commestibili mediante la cooperazione transfrontaliera e la ricerca innovativa per la sostenibilità dell’ambito floricolo. Nel corso della riunione con la presenza di tutti i rappresentanti dei soggetti che hanno partecipato al progetto sono stati affrontati diversi temi e distribuito materiale informativo sulle attività svolte. 

Al termine della riunione è stato presentato il libro di ricette “I fiori dalla terra al piatto” da Sophie Descamps rappresentante del CREAM di Nizza. Il libro contiene i risultati dello studio finalizzato a raccogliere e condividere l’insieme delle conoscenze a supporto della produzione e consumo dei fiori eduli. Accanto a notizie sui fiori, proprietà e coltivazioni, troviamo anche un’interessante raccolta di ricette, che rappresenta anche un viaggio sensoriale tra sapori, aromi e colori di questi preziosi prodotti della Natura.

Sessanta chef italiani e francesi si sono prestati allo studio presentando ricette di diversa facilità di esecuzione e adatte anche per chi vuole avvicinarsi al mondo nuovo e affascinante della cucina con i fiori. L’associazione Ristoranti della Tavolozza ha collaborato con il progetto mettendo a disposizione le esperienze di alcuni chef che da anni utilizzano con successo i fiori nelle loro preparazioni.

Dopo l’incontro, il pubblico ha potuto apprezzare una degustazione preparata dallo chef Giancarlo Borgo e realizzata con fiori freschi del vivaio Ravera Bio di Albenga, che garantisce una grande varietà di fiori, sempre freschi e prodotti in assoluta sicurezza alimentare, perché è bene ricordare che solo i fiori coltivati biologicamente possono essere portati in tavola.

Ecco il menù preparato per l’occasione

Aperitivo con una fragrante e gustosa focaccia con i fiori di Rosmarino, accompagnata con il gradevole e profumato Asti Secco Acquesi della cantina Cuvage di Acqui Terme, di cui sono state apprezzate anche le bottiglie decorate con i fiori.

 Tre antipasti

La tempura di fiori di Begonia, caratterizzata dal gusto croccante ed acidulo insieme di questo fiore molto amato dagli chef

 Il flan di Nasturzio piccantino su fonduta di formaggio grana

 L’uovo in camicia su Quinoa e fiori di Salvia

 Come piatto principale un classico della cucina con i fiori delle Macine, Il “prato fiorito”, un risotto carnaroli, con velo di zenzero, erbe aromatiche e fantasia di fiori

 E gran finale con Bavarese alla Lavanda, crumble, aria di fiori di Arancio, petali di rosa brinati e gelatina di Verbena.

 

 

Condividi su

About the Author

Stefano Pezzini
Vecchio cronista alla Stampa, mai saggio...