I Viticoltori Ingauni alla Dakar con Maurizio Gerini e al Montecarlo con Domenico Ramoino e Bruno Banaudi

I Viticoltori Ingauni sposano i motori, gli sport motoristici. Lo fanno sponsorizzando i partecipanti della Riviera a due eventi di grande tradizione, fascino e prestigio: la Dakar 2020 e il Rally di Montecarlo 2020.

La Dakar 2020 torna in Africa dopo una decina di anni in Sud America. Il 5 gennaio auto, camion e moto partiranno da Gedda, in Arabia Saudita, per terminare il massacrante Rally tra deserto e sterrati, il 17 gennaio. Per il terzo anno consecutivo partecipa Maurizio “Gerry” Gerini, motociclista di Chiusanico, che lo scorso anno ha primeggiato tra gli italiani, conquistato il primo posto nella Classe Marathon per piloti in sella a moto di derivazione di serie, e ben piazzato anche l’anno precedente, quando partecipò alla Dakar assieme all’indimenticato centauro ortoverese Fausto Vignola. Maurizio, che partirà il 2 gennaio, partecipa alla Dakar con una Husqvarna del Team Solaris.

Al Montecarlo 2020, Rally automobilistico tra i più ricchi di fascino, parteciperà anche un equipaggio del Ponente, Domenico Ramoino, di Chiusavecchia, frazione Sarola, al volante e Bruno Djmcrae Banaudi, di Ortovero, come navigatore. Per Ramoino, storico vignaiolo, si tratta di un ritorno alle antiche passioni giovanili. I due parteciperanno al Montecarlo numero 88, che si svolgerà dal 20 al 26 gennaio, con una Renault Clio aspirata.

Spiega Massimo Enrico, presidente dei Viticoltori Ingauni: “Abbinare i nostri vini ai motori non è affatto un azzardo, anzi. Le vittorie sportive sono sempre coronate da una bottiglia che viene stappata per il vincitore, e la nostra cantina produce sia lo spumante Piganò, a base di pigato, sia il Bolle Rosa, a base di ormeasco. Speriamo di brindare per un buon piazzamento dei nostri piloti”.

 

Condividi su

About the Author

Stefano Pezzini
Vecchio cronista alla Stampa, mai saggio...