Il 2021 secondo l’Oracolo RadioMandrake…

Simone RadioMandrake Parisi non è solo sommelier, assaggiatore Ais e profondo conoscitore di distillati, è anche un dj (e questo lo sapevamo) e un ascoltato Oracolo. Questo l’anno astrologico da lui disegnato dopo aver attentamente studiato rum, gin e vini internazionali…

Ariete: Dirti come procederà il tuo nuovo anno non sarà facile, è meglio che tu, in questi momenti casalinghi forzati, inizi ad abituare i tuoi muscoli del collo perché avrai un’insensata voglia di emulare Raffaella Carrà. Abbandonerai tutti i tuoi miti finora inseguiti per ritrovarti seguace di PedroPedroPedroPé, praticamente il meglio di Santa Fé. E fin qui tutto (quasi) bene. Hai programmato anche un viaggio da Trieste in Giù, in Campagna ed in città. Resta solo da capire in che mese ti verrà meglio il Tuca Tuca.

Un anno così scandito dai colpi di collo che sarai obbligata a cambiare pettinatura. E prenderai ogni mattina come un’icona pop che sventola il caschetto al supermercato mentre sceglie le Pere da mettere nel cestino della spesa canticchiando NaNaNaNa NaNaNaNa NaNaNaNaNaNaNaNaNaNaNaNaNaNaNaRumoreRumore. E non so se fin qui va ancora tutto bene.

Piatto dell’anno: sofficini in brodo – Mese fortunato: dicembre che a capodanno fai Fiesta

Salute: Ti verrà il gomito del tennista verso Maggio. Solo che non giochi a tennis

Lavoro: ti vogliono a Santa Fe per fare il portaborse di PedroPe

Amore: logico dire che in questo caso e per tutto l’anno cominci tu. Pedro ci sta.

 

Toro: ti alzerai una mattina verso inizio anno e parlerai come Mammhood. Un anno intero a cercare di farti capire perché continuerai a parlare come se tu avessi una caramella Rossana in bocca, e tutta quell’insensata voglia di allungare le vocali e ripeterle a caso tanto per fare numero, e una cantilena assurda dove, sempre completamente a caso, metterai una nota alta in mezzo, per far sentire che quella bassa dopo ti viene bene. Un anno intero con le facce degli interlocutori davanti sempre completamente basiti con quegli occhi stupefatti a metà tra un “non ci ho capito nulla” ed un “prenda la prima a destra poi sempre a sinistra”. Verso Ottobre finirai di succhiare la caramella Rossana ma per non cambiare voce negli ultimi 2 mesi proverai a fare gli stressi versi senza, qualcosa cambierà, ti risponderanno “al semaforo a sinistra poi sempre dritto”

Salute: raffreddore verso febbraio. Magari un mese di caramella al propoli fallo

Piatto dell’anno: carpaccio di pane – Mese fortunato: novembre che usi le caramelle per la gola

Lavoro: completamente a caso.

Amore: era quella che ti ha detto di andare alla prima a destra

 

Gemelli: un senso di colpa lungo un anno. Pensi e ripensi a Maramao che aveva insalata nell’orto e una casa. Pure pane e vino aveva, eppure è morto e, da anni, nessuno sa davvero come mai. Tu hai aspettato un sacco di tempo per tirar fuori questo blocco che è sempre rimasto latente in te. Ti sei liberato, però il rimorso ti sta logorando. Ad ogni boccone di insalata ecco l’immagine del maramao. Per tutto l’anno. E tutte quelle Micine innamorate che fan ancora le fusa davanti a quella porta sempre chiusa. Poteva andarti peggio, pensa se il tuo anno avesse preso spunto da Ma Mi, quella dei 40 di e 40 nocc a San Vitur a ciapà i bott… Aggiungo altro?

Piatto dell’anno: toast crudi – Mese fortunato: agosto che c’è verdura 

Salute: lividi notturni… 40 di e 40 nocc?

Lavoro: una casa avevi tu

Amore: una di quelle che faceva le fusa a Maramao ha detto che sei Un Bomber

 

Cancro: niente, è andata malissimo. Potevi avere come spirito guida annuale David Bowie, magari Freddy Mercury, ti saresti accontentato di chiunque, ma il tuo anno ti porrà davanti il terribile confronto con Tommaso Paradiso. Inizierai aggiungendo un articolo anglosassone a caso su parole italiane e andrai a trovare TheZia e poi da TheCommercialista. Ma non finirà certo qui. Intanto il tuo acufene si trasformerà in un assolo di sax che pareva relegato alla musica jazz dopo la parentesi Spandau Ballet, ma lui no, il Paradiso nazionale ha deciso di sdoganarlo anche nel genere ExIndiePopInutile.

Per finire crederai solo ai sogni e basta, fumando mentre va la pasta, poi sbaglierai a mandare i messaggi e nessuno capirà i tuoi sbagli, nemmeno tua moglie che hai chiamato col nome di TheAmante.

Piatto dell’anno: fiesta con la maionese – Mese fortunato: marzo che c’è il festival

Salute: se finisse anche il mondo adesso

Lavoro: la tua vita resterà la stessa

Amore: era TheMoglie. Ora ha il TheAvvocato

 

Leone: tutto il resto? Semplicemente Noia. Hai aspettato parecchi anni della tua vita mortale, e Leopardi è comparso a caso, per avere come tuo nume tutelare di questo nuovo anno, lui! Il Califfo. E te ne accorgerai soprattutto perché per un anno farai la barba con maggiore cura e laverai la macchina e sarebbe anche ora. Solo che per tutto l’anno la laverai nell’attesa di un appuntamento dove c’è atmosfera ed ora non è più tanto rossa come una volta, bensì un rosa antico molto chic. Piacerà a tutti, e poco importa se ad ogni passaggio in centro all’ora dell’aperitivo sentirai urlare le classiche invettive triviali dell’uomo che non usa macchine del colore, convenzionalmente, da uomo. Ma cosa saranno mai tutte ste convenzioni? Ed inizierai una campagna contro le discriminazioni sulle “macchine rosa antico che una volta eran rosse ma un imbecille l’ha lavata con la varechina”

Piatto dell’anno: Gusci di lumache lardate – Mese fortunato: settembre che ti annoi meno

Salute: macchie sulla pelle sopratutto dopo i lavaggi.

Lavoro: tutto il resto va bene

Amore: hai deciso di far centro questa sera. Vacci in taxi

 

Vergine: un anno come i Jalisse. Han vinto un festival ma provano a rifarlo da 24 anni con 24 canzoni diverse. Così pensa bene all’azione che ti è venuta bene perchè per per i prossimi 12 mesi, per due volte al mese la proverai a ripetere senza più riuscirci. E potrei finire il tuo oroscopo anche così ma ora ti toccherà subire un Fiume di Parole messe li a caso tanto per far vedere che anche il tuo segno merita qualche riga. In realtà qualcosa si dovrebbe dire. Pare che ti escluderanno anche dal possesso periodico del telecomando in casa. Così ti toccherà vedere tutte le puntate de Il salone delle Meraviglie con quel pazzo furioso che ti attacca i palloncini sulle ciocche dei capelli per cifre che si aggirano tra La cessione del quinto e un mutuo da rendere in 40 anni.

Piatto dell’anno: Pizza surgelata sott’olio – Mese fortunato: gennaio che ridanno il castello delle cerimonie

Salute: 24 frustate se cercherai di cambiar canale

Lavoro: 24 multe per divieto di sosta sotto all’ufficio

Amore: ha detto che in ferie si va ad Anzio dove c’è quello dei palloncini. Risparmia.

 

Bilancia:  anno da Ruggeri prima maniera. Non come adesso che pare Peter Gabriel, no… come quando aveva ancora retaggi punk e portava gli stessi occhiali bianchi che usava tuo cugino sugli sci nel 1986. E una voglia insensata di trovare punti invisibili rincorsi dai cani e di cercare stanche parabole di vecchi gabbiani. Anno punk filosofico in pratica. Un po’ come quelle foto piazzate sul web con su delle belle frasi intense ed importanti come se tu fossi nipote di Bukowski. Sarebbe stato tutto molto più semplice se ti fosse venuto in mente una canzone come Contessa che si girava gli amanti come fossero bignè e parlare delle cose che non sai, ma soprattutto essere accattivante già così ma difenderti col DDT.

Piatto dell’anno: Totani in salmí – Mese fortunato: febbraio che c’è neve

Lavoro: Portiere di notte

Salute: Mistero

Amore: Poco più di niente

 

Scorpione: E’ notte alta e sei sveglia, sempre quel chiodo fisso. Tutto il casino fatto per cambiare anno e ritrovarsi così, con un Eduardo de Crescenzo da emulare per tutto l’anno. Soprattutto perché non hai fatto più l’amore senza lui. E la cosa rende tutto più istericamente difficile. Hai aperto un account su Badoo e Levriero78 ti scrive i buongiorno senza copiare dai Baci Perugina e la cosa sta finendo per renderti disponibile ad andar li sotto casa a tirar sassi alla finestra accesa e tirar calci alla tua porta chiusa. Nel primo caso informati bene sulle intenzioni di Levriero78, nel secondo smettila di dimenticare le chiavi di casa. Ecco lo spaccato del tuo anno. E non te ne frega niente senza lui. Ora c’è Levry (lo chiami già col nomignolo)

Piatto dell’anno: Pane unghie e marmellata – Mese fortunato: giugno che cambia l’ora

Salute: ancora ?

Lavoro: devi pagare La finestra rotta

Amore: Levriero78 (ha detto che, forse, lascia la moglie)

 

Sagittario: un anno di regali, finalmente, dopo tanto penare arriva il momento di riscuotere. Solo che tuo papà ha capito che i topolini ti fan tanta tenerezza, e fa come tua nonna con le lasagne dopo che ti sei lasciata sfuggire il tuo apprezzamento. Ti regala sempre quelli e fa anche km per trovare quelli della Fiera dell’Est che pare valgano di più tra i collezionisti. Ogni volta si instaura un movimento a catena che coinvolge il gatto, il cane, un bastone, il fuoco, l’acqua, un toro, un macellaio e anche un angelo. Insomma un anno di regali ma anche un anno molto movimentato. E pensare che ti sarebbero bastati un paio di guanti o al massimo due paia di calzini di pile per le giornate fredde. Ma non disperare, ci son sempre le lasagne di nonna ogni santissima domenica a tirarti su …

Piatto dell’anno: Gamberoni disossati – Mese fortunato: agosto che ci son le sagre

Salute: è un problema, il topolino muore sempre

Lavoro: cercano delle commesse giù all’est

Amore: a lui i topi fan schifo

 

Capricorno: ecco l’anno che aspettavi da lustri. Quello nel quale mille progetti potranno trovare la loro realizzazione, sei finalmente concentrata per arrivare ai risultati prefissati. Purtroppo c’è solo un piccolo problemino, quasi insignificante… finisci l’anno simpaticamente pensando a quella canzone di quel tizio che va allo zoo comunale per vedere come stanno le bestie feroci ma non vuole nessuno con sé. Ecco, tu sei per tutto l’anno quella che dice: vengo anche io? La risposta rimarrà sempre No, Tu No. Ecco che tutti i progetti all’orizzonte rimarranno lì. Qualcuno li seguirà, andrà, Farà, viaggerà. Andrai anche tu? Inutile che ti risponda. Non andrai nemmeno col tuo bello sotto braccio a parlare d’amore, anche perchè avresti scoperto che va sempre a finire che piove. Un po’ come in Frankenstein Jr. Quando si trova il modo per definire un qualcosa che potrebbe peggiorare. Ecco. Non scoprirai che va a finir che piove quindi non andrà peggio.

Piatto dell’anno: Millefoglie di banana al Rafano – Mese fortunato: marzo che piove

Salute: vuoi sapere di nascosto l’effetto che fa?

Lavoro: vengo anch’io

Amore: no, tu no.

 

Acquario: proteggerai tutti dalle ipocondrie ma solo verso fine anno ti verrà in mente di consultare il vocabolario per vedere che sono. Ecco. Il tuo anno sociale sarà così. Non é ancora giunta l’era del cinghiale bianco per la quale, a scanso di equivoci, hai fatto scorte di polenta in quantità veneta (almeno il 45% della superficie casalinga), ma hai comunque un’insensata voglia di suscitare sintomatico mistero, così metti gli occhiali da sole manco fossi Elwood Blues. Ti andrà così l’anno. Tutto costellato di pensieri profondi che non capirai nemmeno tu, ricerche simboliche di centri di gravità permanentemente che ti porteranno solamente a girare intorno alle rotonde senza soluzione di continuità. E con l’autoradio spenta perché la musica contemporanea ti butta giù… buon annobattiato.

Piatto dell’anno: Sushi di salvia fritta – Mese fortunato: luglio che fa più caldo 

Salute: ipocondriacamente sano

Lavoro: vestito come un bonzo

Amore: rapimenti mistici e sensuali. Prendi il vocabolario, non aspettare fine anno come con le ipocondrie

 

Pesci: Fin che la barca va, tu lasciala andare, continua a remare. Così ti compri un canotto in offerta di quelli di plastica molla da gonfiare con tre o quattro soffiate e stai pronta. Per i remi hai fatto fare due asole nel trench buone per portarli con te ad ogni occasione. E tutto questo lo proponi ogni volta che suonano alla porta, che rigorosamente ti accingi ad aprire in trench e guêpière, perché  Quando l’amore viene, il campanello suonerà. Avrai tutte le ordinazioni del palazzo recapitate al tuo cospetto: “quello del terzo piano, interno 2 non c’è, lo posso lasciare a lei?” Ecco la frase ricorrente di ogni corriere che vorrebbe solo sbirciare sotto ai panni, pare si sia sparsa la voce anche su deliveroo ed ogni sera abbandonerai l’idea della cucina, tanto un hamburger o un sushi arriveranno di sicuro. Un anno di grandi valori del colesterolo in pratica.

Piatto dell’anno: Anguria fritta – Mese fortunato: gennaio che ci sono i saldi

Salute: trigliceridi

Lavoro: Smart working così ti portano anche colazione

Amore: uno della SDA

Condividi su

About the Author

Stefano Pezzini
Vecchio cronista alla Stampa, mai saggio...