Il jazz del Louisiana si sposta all’Instabile per un omaggio a Billie Holiday

Sabato 27 ottobre, dalle 21, il Louisiana si sposta al Teatro Instabile, (via Cecchi 19R) con uno speciale “gemellaggio artistico”, per avere a disposizione una grande e altrettanto storica location per festeggiare i 55 anni di vita del locale jazz italiano più antico e più conosciuto (anche all’estero). Ingresso 15 euro, ma per i soci sostenitori del Louisiana l’entrata è gratis, info e prenotazioni allo 0105702903.

“La musica è fatta di note, accordi, melodie e armonie belli e giusti, magari geniali, ma anche di passione, dedizione, intenzione, che possono salvarci dall’irrigidimento e dalle convenzioni a cui tutti andiamo incontro in una fase di riflusso musicale, e farci ritornare allo  stupore incantato nei confronti di idee nuove”, dice in una nota Marco Battelli, il presidente del Louisiana Jazz Club, che sarà al contrabbasso nella band di supporto della cantante Manina Syoufi nel suo omaggio alla leggenda di Billie “Lady Day” Holiday. Con Battelli, che in carriera ha suonato pure con Renzo Arbore e Lino Patruno, ci saranno Fabrizio Trullu al piano, collaborazioni fra gli altri con Paolo Fresu e Steve Grossmsan; il “virtuoso” Gianni Satta alla tromba e filicorno; e, alla batteria, Tassilo Burckard, già famoso negli anni ’60 nella cult-band “I Rokketti”, e poi con artisti  del calibro di Bobby Solo e Nino Ferrer. L’omaggio a Billie Holiday di Manina Syoufo inizia alle 22.15; prima, in apertura di serata, alle 21, si esibisce l’Esperanto Trio, parola d’ordine “esplorazione a fondo dell’improvvisazione jazz”, che schiera tutti musicisti di spicco: il chitarrista Luca Falomi, il batterista Rodolfo Cervetto e, al contrabbasso, Riccardo Barbera, che negli anni ’90 era già molto conosciuto nel rock come bassista dei Garybaldi dell’indimenticabile guitar-hero Bambi Fossati, e poi, con i genovesi Lavori in Corso, fra le band italiane indie-rock più conosciute di quel periodo.

 

Condividi su

About the Author

Stefano Pezzini
Vecchio cronista alla Stampa, mai saggio...