Il Pigato Bon In Da Bon di BioVio premiato con la Corona del Touring Club

Ancora un riconoscimento per il Pigato “Bon In Da Bon” della cantina BioVio di Bastia d’Albenga. La Guida Vini buoni d’Italia 2020 del Touring Club italiano, infatti, gli ha riconosciuto la Corona di eccellenza, un giudizio già espresso dalla stessa guida nel 2015.

Il Bon In Da Bon nasce in regione Marixe, una della zone più vocate al pigato, da una raccolta tardiva, a fine ottobre, ovviamente manualmente, dai filari che hanno una ventina d’anni. Le Marixe, un centinaio di metri sul livello del mare, suolo argilloso rivolto a sud-est, danno all’uva quell’escursione termica tra giorno e notte capace di dare al vino profumi e sentori che nel bicchiere si trasformano in territorio, grazie anche alla passione e alla sapienza che Aimone, coadiuvato dalla figlia enologa Caterina e dal genero Vincenzo Sorrentino, sanno aggiungere in cantina. IL nome, in dialetto, significa che da buono nasce il buono e il Bon In Da Bon è decisamente il pigato di punta dell’azienda: struttura importante, secco, al naso mandorla ed erbe aromatiche, in bocca richiama rosmarino, salvia e le erbe della macchia mediterranea. Ottimo con primi a base di frutti di mare, pesce, pesto e come aperitivo in abbinamento a focacce e panissa. 

Nel palmares: Bibenda -5 grappoli- 2006-2008-2009-2012-2013-2014; Vitae -5viti- 2014; Touring Club Italiano 2015 -Corona; Guida ai Vini d’Italia – Miglior Bianco 2012

 

Condividi su

About the Author

Stefano Pezzini
Vecchio cronista alla Stampa, mai saggio...