Kronoteatro invitata alla Biennale di Venezia Teatro

Kronoteatro, la compagnia teatrale ingauna che ormai da anni calca le scene italiane con una proposta teatrale innovativa, è stata invitata alla 46. Biennale di Venezia Teatro, il prestigioso festival internazionale che si terrà a Venezia dal 20 luglio al 5 agosto 2018. Gli artisti sono invitati al Festival con più di uno spettacolo, nell’ottica delle mini-personali voluta dal direttore artistico Antonio Latella.

 

La compagnia ingauna porterà in scena il Trittico della Resa, con il quale ha voluto indagare i meccanismi del potere e i riflessi di questo sulla nostra società: Cannibali, Educazione Sentimentale e Cicatrici, dunque, saranno alle Tese dei Soppalchi, all’Arsenale, l’ultima settimana di luglio. Cicatrici, l’ultimo tassello, seguirà le altre due produzioni e debutterà in prima assoluta proprio a Venezia, in doppia replica, il 31 Luglio e il primo agosto. La presenza alla 46. Biennale di Venezia Teatro segna un traguardo importante nella carriera di Kronoteatro, che negli anni ha presenziato nei più importanti festival e stagioni teatrali nazionali, portando il nome di Albenga ad essere conosciuto nel panorama culturale nazionale.

Così il direttore artistico della Biennale Antonio Latella: “Dall’Italia ci saranno: i Leoni d’Argento, assegnato alla compagnia Anagoor – che inaugura il Festival con la prima assoluta di Orestea – Agamennone, Schiavi, Conversio; la coppia Antonio Rezza – Flavia Mastrella, performer-autore l’uno e artista-autrice l’altra, Leoni d’oro alla carriera, sempre in apertura di festival con i loro originalissimi spettacoli; Giuseppe Stellato, 38 anni, studi all’Accademia di Belle Arti di Napoli, artista e scenografo, che indaga sulla fruizione delle immagini; Kronoteatro, il gruppo fondato da Maurizio Sguotti, che fonde la sua attività di regia con le sculture lignee di Christian Zucconi e la drammaturgia di Fiammetta Carena, indagando per lo più la conflittualità dei rapporti generazionali”.

Le parole del sindaco di Albenga, Giorgio Cangiano: “I risultati e i riconoscimenti ottenuti anche a livello nazionale della compagnia teatrale albenganese Kronoteatro rappresentano motivo di soddisfazione ed orgoglio per la città e costituiscono un positivo esempio che dimostra come la passione, l’impegno e la professionalità possano consentire di raggiungere obiettivi straordinari. Complimenti meritatissimi alla compagnia Kronoteatro e a tutti coloro che partecipando alle rappresentazioni aiutano questa importante realtà albenganese”.

L’assessore alla cultura ingauna Alberto Passino commenta: “Kronoteatro alla Biennale è per noi un motivo di orgoglio. Una compagnia teatrale nata all’ombra delle torri che raggiunge questi risultati nazionali ed internazionali rappresenta una realtà importante che anno dopo anno, spettacolo di avanguardia dopo spettacolo, ha saputo costruire e far crescere il territorio Ingauno”.

L’onorevole Franco Vazio: “La Biennale di Venezia è considerata tra le Istituzioni culturali e le rassegne internazionali d’arte più note e prestigiose al mondo: sapere che alla 46° edizione sarà presente Kronoteatro, la compagnia fondata nel 2004 proprio dagli studenti del Liceo Giordano Bruno sotto la sapiente direzione di Maurizio Sguotti, è una notizia che riempie di orgoglio e, nello stesso tempo, che conferma il valore culturale della compagnia teatrale ingauna. Maurizio Sguotti, Alex Nesti e Tommaso Bianco, nucleo e anima di Kronoteatro, hanno saputo avvicinare moltissimi studenti all’arte teatrale, hanno pervaso la città di Albenga di una passione e di una determinazione che ha reso possibili anche le cose più difficili. Grazie anche a nome della Comunità Albenganese per quanto avete fatto per i nostri figli, per l’arte e la cultura e, non ultimo, per aver portato il nome di Albenga sul palcoscenico internazionale”.

 

Condividi su

About the Author

Stefano Pezzini
Vecchio cronista alla Stampa, mai saggio...