La mappa onirica dell’esistenza umana secondo Calvino in mostra a Demonte

“Le Città Invisibili”, mostra ideata dagli Amici nellArte” e dedicata al grande scrittore Italo Calvino, taglia il suo secondo traguardo a Demonte, nel Cuneese. A Palazzo Borelli si terrà infatti dal 23 giugno all’8 luglio 2018 la seconda edizione della collettiva d’arte con venti artisti contemporanei di varie nazionalità.

Italo Calvino, uno dei maggiori autori e intellettuali italiani del Novecento nasce a Cuba nel 1923. La famiglia Calvino torna in Liguria quando Italo ha solo tre anni, ed è a Sanremo che lo scrittore de “Il barone rampante”, “Il visconte dimezzato” e “Il cavaliere inesistente” -ma anche di tanti altri testi famosi e conosciuti in tutto il mondo- trascorre la sua infanzia e la sua giovinezza.

Gli artisti del Circolo “Amici nell’Arte” hanno focalizzato la loro attenzione sul testo de “Le città invisibili”, conquistati dalla creatività, dalla fantasia e, soprattutto, dalla novità compositiva della narrazione del grande scrittore (basata sul sistema combinatorio), realizzando una serie di opere di vario stile e tecnica, ispirandosi ognuno ad una delle 55 città descritte.

Gli artisti hanno ripercorso il testo prescelto, elaborandone non soltanto delle rappresentazioni, ma una sorta di itinerario parallelo tra la realtà odierna e le pagine di Calvino. Una lettura dalla quale hanno tratto idee e concetti con i quali hanno rappresentato i loro lavori: una sorta di “appunti di un viaggio fantastico” che si concretizza in opere pittoriche, plastiche e fotografiche…

La realtà perde la sua concretezza e diventa fluida e puramente mentale, si realizza nella fantasia perché “d’una città non godi le sette o le settantasette meraviglie, ma la risposta che dà ad una tua domanda”.

Si susseguono evocazioni di luoghi surreali, impossibili e leggendari, trasfigurazioni della follia e delle contraddizioni umane, popolati non di rado da apparizioni femminili e si resta stregati da una narrazione che si appella ad un linguaggio arguto, elegante, armonioso ed essenziale, carico di poesia e di misteri.

“Le città invisibili” è stato definito da Pier Paolo Pasolini il più bel libro che avesse mai letto, perché “questo suo libro, le città invisibili, è il libro di un ragazzo. Solo un ragazzo può avere da una parte un umore così radioso, così cristallino… e solo un ragazzo, d’altra parte, può avere tanta pazienza, da artigiano che vuole a tutti i costi finire e rifinire il suo lavoro.”

Gli artisti in mostra sono: Maidè Aicardi, Luigi Canepa, Mario Dabbene, Giuseppe De Carlo, Maria Pia Demicheli, Fabrizia Fantini, Annamaria Giraudo, Guro Haaksensen, Alvaro Lopez, Rosa Mammola, Caterina Massa, Constantin Neacsu, Ylli Plaka, Varinia Rodriguez, Silvio Rosso, Carmen Spigno, Luisa Tinazzi, Giovanna Usai, Simonetta Vandone e Antonietta Zamponi.

In luogo del tradizionale catalogo cartaceo si sta predisponendo una versione online dello stesso, che sarà presto pubblicata sul sito www.amicinellarte.it, “house organ” del Circolo “Amici nell’Arte” e da un CD interattivo e mutimediale.

La mostra vanta il Patrocinio della Regione Piemonte e della Provincia di Cuneo.

Anche da queste pagine ringraziamo vivamente il Comune di Demonte, che ci ospita, e l’Associazione “Amici di Demonte”, che ci supportano con la loro collaborazione costante ed efficace.

Ci preme infine informare i lettori che la mostra ha acquisito una connotazione itinerante e, dopo essere stata presentata ad Albenga nell’autunno 2017 nelle sale di Palazzo Oddo  e nel prossimo giugno/luglio 2018 nello storico Palazzo Borelli, nella città cuneese di Demonte, dal 15 al 30 settembre 2018 sarà proposta nella prestigiosa sede espositiva del Palazzo dei Filippini ad Agrigento, in Sicilia.

 

Info

Spazio espositivo: Palazzo Borelli – via Martiri e Caduti per la Libertà 1 – 12014 Demonte (CN)
Titolo dell’evento: “Le Città Invisibili”
Data di vernissage: 23 giugno 2018
Data di chiusura: 7 luglio 2018
Orari di apertura: da mercoledì a venerdì dalle 16.30 alle 18.30, il sabato e la domenica anche dalle 10.30 alle 12.00
Orario del vernissage: ore 17,00.
Biglietto: ingresso libero.

 

GALLERIA DELLE OPERE

Condividi su

About the Author

Carmen Spigno
Pittrice con terre e resine naturali e da anni attiva operatrice nel campo artistico. Letteralmente affascinata dagli incredibili colori delle terre, si dedica da tempo alla pittura con i pigmenti naturali. In questa, attraverso i “segni” e i “graffiti” e tramite i colori incontaminati della terra, emergono l’amore per la natura e le inquietudini spirituali del nostro tempo. L’artista vive e lavora in Liguria, dove ha lo studio e la mostra permanente delle proprie opere a Garlenda (SV).