La musica dei Beatles ad Alassio

“Lasciateci sognare” è il motto del Riviera Music Festival ed è proprio il caso di dire che mai più azzeccato può essere per la serata che si svolgerà mercoledì 19 luglio 2017 con inizio alle 21.30 in Piazza Partigiani ad Alassio, ad ingresso libero. Saranno i “Beatbox”, composti da quattro musicisti dal curriculum più che nobile come Alfio Vitanza, Mauro Sposito, Riccardo Bagnoli e Guido Cinelli, a far rivivere le atmosfere dei mitici anni ’60 proponendo fedelmente i grandi successi del gruppo che ha segnato la storia del panorama musicale mondiale, i Beatles. Reduci da un tour europeo e gli ha visti come ospiti d’onore nei più importanti Beatles Day, i Beatbox sono pronti a stupire. Molto più che un semplice tributo ai Beatles, la performance dei Beatbox si propone di far rivivere l’energia e il fascino del mitico quartetto di Liverpool. Per ottenere il risultato desiderato nulla è stato lasciato al caso: dalla strumentazione, ai vestiti, confezionati su misura dalla stessa sartoria che li creò per la tournée americana dei Fab Four. Uno show che attraversa i ricordi e le scoperte di più generazioni, con esecuzioni fedelissime a quelle originali.
Riviera Music Festival Alassio 2017 è organizzato da “DallaParteDellaMusica” Srl con il patrocinio ed il contributo del Comune di Alassio in collaborazione con Marina di Alassio Spa e Ge.S.Co ed il supporto di C.N.A.M. Alassio, Consorzio Alassio un mare di shopping, Associazione Bagni Marini, Associazione Albergatori, Consorzio Macramè, Associazione Vivalassio New Generation 2012. Grazie a Estrella Damm, Manfredi Azienda Vinicola, Rivierauto Galvagno Spa, Ottica Ottobelli, Sommariva Tradizione Agricola, Asta del Mobile, North Sails Store Alassio, Agenzia Fondocasa Alassio, Eleganza Alassio Abbigliamento, Ristorante Sol Ponente Alassio, Peirano Bevande, Pasticceria Impero Alassio, Pico Rico Laigueglia, Gruppo Dac eccellenze per la ristorazione, dal 1963 il Fornaio di Alassio, Hotel Ligure Alassio.

Condividi su

About the Author

Stefano Pezzini
Vecchio cronista alla Stampa, mai saggio...