La nascita del Situazionismo raccontata ad Andora

Prosegue la rassegna “Sotto l’Archetto”, tradizionale appuntamento librario organizzato dal Comune Andora assieme all’agenzia Mway Communication & Events di Mattia Righello e il giornalista Cristiano Bosco, giunta alla sua quarta stagione.
Mercoledì 9 agosto sarà la volta di Donatella Alfonso, giornalista de La Repubblica, che presenterà il suo ultimo libro “Un’imprevedibile situazione. Arte, vino, ribellione: nasce il Situazionismo” (2017, il Melangolo), affiancata da Cristiano Bosco e dal giornalista de La Stampa Stefano Pezzini.
 «E sono le foto, adesso, a tramandare questa storia alla gente del paese che si chiama Cosio, lassù sulle Alpi Marittime dove il mare di Liguria lo senti quando arriva una folata di vento, ma subito sopra c’è la neve e, se ti giri a sinistra, sai che c’è la Francia. La gente: quella che è rimasta insomma, perché quassù la nebbia arriva anche a giugno e il mare è lontano persino per i tedeschi. La gente allora si rende conto che quel gruppetto di pazzi amici di Piero, lui sì amico di tutti, lui sì del paese, non erano venuti lì per una baldoria, ma per un’avventura che poteva nascere solo così, perché se sei lettrista o psicogeografico o immaginista, se hai vent’anni o anche se non li hai più, ma sai che l’idea più urgente è quella di cambiare il mondo, ecco che sei chiamato a inventare una cosa sola: l’Internazionale Situazionista», si legge nella prefazione del libro.

Condividi su

About the Author

Stefano Pezzini
Vecchio cronista alla Stampa, mai saggio...