La Targa Custodi del Territorio 2020 consegnata alla Trattoria Bianca di Arnasco durante l’Arnasca d’Argento

La Targa Custodi del Territorio 2020 sarà assegnata alla storica Trattoria da Bianca di Arnasco, considerata la “regina dei ravioli”, custode della sapienza gastronomica della vallata e custode delle tradizioni locali.

 Questo riconoscimento promosso dall’Associazione Ristoranti della Tavolozza viene attribuito a chi nel territorio di riferimento si è particolarmente distinto per la qualità dell’accoglienza e per la promozione e difesa delle tradizioni locali.

La cerimonia di premiazione è stata inserita nell’ambito della manifestazione “Arnasca d’Argento” organizzata dalla Cooperativa olivicola di Arnasco sabato 5 settembre ed a consegnare la targa a Marica Accame (nella foto con Stefano Bicocchi, in arte Vito, attore e chef) titolare del ristorante “Da Bianca” saranno Luciano Gallizia presidente della Cooperativa di Arnasco e Claudio Porchia, presidente dell’associazione Ristoranti della Tavolozza. 

Il premio, inserito nel progetto ‘Custodia del territorio’ punta a riconoscere l’importanza del ruolo degli operatori del settore enogastronomico nell’opera di valorizzazione del territorio individuandoli come i protagonisti attivi di un’azione di conservazione del paesaggio e delle sue tradizioni. 

La custodia rappresenta un impegno diretto a vivere il territorio in modo più consapevole e responsabile, operando una inversione di rotta rispetto alla continua erosione del territorio, non solo dei boschi e dei prati, ma anche del suolo dedicato all’agricoltura ed alla produzione di alimenti.

Il progetto, che prevede il coinvolgimento di tutti coloro che si occupano di accoglienza turistica: enti e istituzioni pubbliche, operatori privati, produttori e consorzi, guide turistiche e la comunità locale, ha un duplice obiettivo:

  • estendere l’esperienza dei ristoranti, intesi come veri e propri uffici turistici, luoghi dove trovare informazioni turistiche e prodotti locali;
  • sostenere tutto il sistema dell’accoglienza del territorio garantendo ai turisti uno standard di alta qualità ed adeguato, valorizzando e promuovendo i prodotti enogastronomici di eccellenza unitamente alle risorse storico-architettoniche, culturali e museali del territorio.

 

Condividi su

About the Author

Stefano Pezzini
Vecchio cronista alla Stampa, mai saggio...