Laigueglia in festa col Salto dell’acciuga

Il 20 e 21 ottobre 2018 torna a Laigueglia torna Il Salto dell’acciuga: incontro sulle vie del sale, enogastronomia, laboratori, incontri letterari, mostre e spettacoli, proposte artistiche della Liguria e del Piemonte. La manifestazione, organizzata dall’associazione turistica Pro Loco di Laigueglia, con il contributo del Comune di Laigueglia, riproporrà l’incontro tra la terra e il mare, con la rinnovata Via del sale che unisce da sempre le comunità liguri e piemontesi attraverso iniziative culturali, mostre, enogastronomia e prodotti del territorio, associazionismo, musica, danze, poesia, letteratura e molto altro.

 

Durante questa settima edizione dell’evento: Incontro sulle “Antiche Vie del Sale – Strada del Mare”. Enogastronomia, laboratori, incontri letterari, mostre e spettacoli.

Proposte artistiche della Liguria e del Piemonte Subterranea Undis, installazione a cura degli artisti dell’associazione Etra-Marmoreo Comunità Creativa di Marmoreo (Sv), creata ispirandosi alla poesia Canto dei Nuovi Migranti di Franco Costabile ( Lamezia Terme 1924 – Roma 1965). Piazza Canosso, Sabato e Domenica dalle 10 alle 19. Gli artisti dell’associazione culturale ETRA Marmoreo Comunità Creativa, attiva nella diffusione dell’arte e nello sviluppo del territorio, hanno realizzato per il Salto dell’acciuga l’installazione “Subterranea Undis” ispirata alla poesia “Il canto dei nuovi migranti” di Franco Costabile.

Performance di lettura della poesia sabato 20 e domenica 21 alle ore 16 a cura del gruppo #Cosa vuoi che ti legga?”

Linguaggi. Mostra d’Arte Primaria a cura di Giuliano Arnaldi per Fondazione Tribaleglobale

Pensiamo immagini, e non parole…questa antica verità è sempre più confortata dai progressi delle neuroscienze. Ciò significa che le incisioni rupestri e Basquiat, i tessili tradizionali africani o oceanici e l’arte pittorica antica, i sigilli sumeri e Lucio Fontana parlano la stessa lingua, usano un alfabeto metaforico di segni che è comune all’umanità da almeno quarantamila anni…E’ la lingua che gli esseri umani parlano per narrare ciò che sono più che ciò che hanno. per indagare il mistero della vita, cercare di comprenderlo o quantomeno lasciare una traccia. Ecco perché in questa esposizione troverete sigilli sumeri di cinquemila anni fa, animazioni multimediali, tessili provenienti da diverse parti del mondo, dipinti antichi…con/fusi insieme. Nel locale dell’Ex Delegazione di Spiaggia in Piazza Cavour

Non mancheranno stand enogastronomici per gustare le prelibatezze preparate per l’occasione e i prodotti tipici della Riviera, ma anche contaminazione con Cetare per la sua famosa colatura di alici.

 

Condividi su

About the Author

Stefano Pezzini
Vecchio cronista alla Stampa, mai saggio...