L’Altra Albenga in una mostra fotografica al Museo Sommariva

Si intitola “L’Altra Albenga. La città fuori dai luoghi comuni” la mostra fotografica che verrà inaugurata sabato 15 giugno al Museo dell’Olio Sommariva a cura del Circolo fotografico San Giorgio. Nella locandina, c’è una frase di Montale: “…resto fedele a un paesaggio che vedo solo in sogno perchè i suoi abitanti lo hanno reso irriconoscibile”, poetica e malinconica, ma che racconta bene come cambiano le città.

Cambiano per l’arrivo di nuovi abitanti, per dare risposte a nuove esigenze, perchè i luoghi a volte vengono abbandonati, per crisi o crescita, per speculazione o per generosità. Albenga non sfugge a queste leggi, Il centro storico rimane il punto fermo, un vero porto secolare, siappure spesso sfregiato, il luogo della memoria, mentre tutto attorno la rivoluzione è lenta e inesorabile. Via Dalmazia, Vadino, borgo Sagrino sono gli esempi più lampanti delle continue trasformazioni.

I fotografi del Circolo, con i loro scatti, non denunciano degrado o abbandono, semplicemente fotografano lo stato attuale, una Albenga fuori dalle torri e dal battistero, fuori dai luoghi comuni, appunto.

Spiega Paolo Tavaroli, presidente del Circolo: “Abbiamo portato foto di Albenga ad alto impatto visivo nel cuore di Matera capitale e altrove; abbiamo fotografato Albenga con lo stile “geografico” e accattivante per Associazioni, Enti e per l’Amministrazione pubblica; abbiamo portato il nome di Albenga in giro per mezzo mondo vincendo Concorsi Internazionali con scatti di Street Photography o ritratti ambientati effettuati ad Albenga; ora, vi facciamo vedere un altro tipo di fotografia documentaria inseguendo uno stile “storico del presente” più vicino alla foto di paesaggio contemporanea. Di che si tratta? Ve lo spiegheremo sabato 15 giugno. Tutti invitati”.

Le foto in mostra sono di Rita Baio (sua la foto della locandina, la grafica è di Paola Pozzi), Danila Fornasier, Dino Gravano, Dino Cataneo, Stefano Maccari, Marta Morando, Alessandro Negri, Matteo Galeotti, Andrea Alai, Dario Urselli e Paolo Tavaroli.

 

Condividi su

About the Author

Stefano Pezzini
Vecchio cronista alla Stampa, mai saggio...