Noli, al Nazionale i piatti di Chef Ricchebuono sposano i grandi vini de La Felce

Chissà cosa accadrà mercoledì 17 luglio al ristorante Nazionale di Noli, da qualche mese guidato da Chef Giuse Ricchebuono, stellato Michelin nel suo Vescovado, sempre a Noli, basta attraversare la strada. La domanda non è oziosa, infatti la cucina di Giuse si sposerà con i vini de La Felce di Andrea Marcesini, un produttore atipico, con vini di grande interesse.

Il menù proposto da Giuse prevede l’aperitivo di benvenuto con il Felce bianco 2018, per poi passare all’insalatina di mare con zucchette trombette abbinata al bianco “Non sempre” 2018. A seguire baccalà mantecato con olive taggiasche e panissa, il vino abbinato è il Cimixa 2017. Come primo gnocchetto di borragine e ragù di cozze abbinato al In origine bianco 2018, mentre In origine rosso 2017 accompagnerà triglie, piselli, toma di pecora brigasca e salsa al tartufo nero. Chiusura con cioccolato grand cru e frutti di bosco accompagnato dal Passito rosso 2018. Costo della serata 55 euro a persona, prenotazioni 019 748887.

I VINI DE LA FELCE

La cantina è a Ortonovo, ma i vigneti de La Felce sono sparsi in varie zone della provincia di La Spezia. In totale 5,5 ettari, con viti che in alcuni casi hanno 90 anni. Vermentino e Massaretta sono coltivati a guyot.  Sono coltivati trebbiano toscano, vermentino, malvasia di candia, massaretta, canaiolo, barbera, cabernet, alicante e albana di Romagna.  Andrea Marcesini, “il Marcè”, ha preso in mano le redini dell’azienda alla fine degli Anni ‘90 e ha scelto di seguire i dettami dell’agricoltura biologica ed evitando completamente l’uso della chimica. I vini de La Felce riescono a raccontare storia e tradizioni della Lunigiana. Proprio per l’altissima qualità dei suoi vini rientra nella ristretta lista di produttori Triple “A” di Velier. Difficile dire quale, delle dieci tipologie prodotte, sia la migliore, mercoledì al Nazionale si potrà fare una degustazione abbastanza completa. 

 

Condividi su

About the Author

Stefano Pezzini
Vecchio cronista alla Stampa, mai saggio...