Ortovero, all’Enoteca Regionale tornano gli aperitivi con i vini della Liguria

I vini della Liguria? Ideali per un aperitivo, magari abbinati a focacce, torte verdi, frittate con le fresche verdure di stagione della Piana di Albenga. Così l’Enoteca regionale della Liguria, sede di Ortovero, ha deciso di organizzare, dal giovedì al sabato, dalle 18 alle 21, aperitivi a base di vini liguri.

Anima degli aperitivi Gianni Boffredo, sommelier, grande conoscitore dei vini liguri (e non solo), capace di raccontare la storia e le suggestioni di quel che si sta sorseggiando. In abbinamento, ogni giorno, dei trionfali buffet dal gusto ligustico, capaci di deliziare la gola. “I nostri AperiWine in enoteca sono serate per celebrare in compagnia l’antico rito dell’aperitivo, degustando i migliori vini del territorio, accompagnati da sfiziosi prodotti tipici, alla scoperta dei sapori dell’entroterra ligure e non solo”, racconta Gianni, anima dell’Enoteca gestita dalla Rete di imprese Vite in Riviera che associa 23 tra le principali cantine della Riviera. Gli aperitivi, a seconda del tempo, vengono organizzati o nella luminosa sala dell’Enoteca o in giardino. Novità del 2021 sono le formule di degustazione. Vite in Riviera, infatti, propone tutta una serie di formule alternative di degustazione, dall’aperitivo classico alla degustazione di più vini, all’utilizzo dell’ENOMATIC che permette  di degustare quattro vini bianchi, tre vini rossi e un vino rosato, in varie formule con vari prezzi e vari calici di vino, sempre abbinati con stuzzichini di prodotti del territorio e del Ponente ligure. Per i più esigenti, inoltre, previa prenotazione, la possibilità di gustare piatti veri e propri. Naturalmente, accanto alle degustazioni, c’è la possibilità di acquistare i vini dei produttori di Vita in Riviera, sia vini fermi (base o superiore) che vini spumanti che vini.

Vi aspettiamo quindi all’enoteca regionale di Ortovero in via alla Chiesa 8, numero di telefono  366 8726643.

Condividi su

About the Author

Stefano Pezzini
Vecchio cronista alla Stampa, mai saggio...