Presepe, come fare il muschio ecologico e naturale senza…muschio

La Pentola della Strega, una pentola da dove partono escursioni e consigli per gli amanti della natura grazie alla guida ambientale Francesca Magillo, questo mese raccomanda alcune accortezze per chi va nei boschi del Finalese, ma anche per chi vuole fare il presepe con effetto muschio senza però togliere il muschio, che cresce lentamente, dal sottobosco.

EFFETTO MUSCHIO MA SENZA MUSCHIO

Il muschio, un vegetale che cresce molto lentamente, ringrazia. Andate a fare una escursione su un bel sentiero di collina, trovate dell’Erica arborea (è un arbusto sempreverde molto vigoroso, tende a colonizzare pascoli abbandonati e sentieri poco frequentati, ma si trova anche a bordo delle strade di campagna); con un paio di cesoie potate qualche ramo (così contribuite a pulire i sentieri), mettete in un sacchetto di tela resistente non plastificato; dopo qualche giorno i rami perderanno tutte le foglioline che si accumuleranno nel fondo del sacchetto… raccogliete e cospargetele sul Presepe per fare il tappeto erboso. Pulito, senza terra, compostabile, amico dell’ambiente e del muschio vero. Provare per credere!

 

CANI SUI SENTIERI

Continua la campagna delle Guide Ambientali Escursionistiche del Finale contro l’usanza di abbandonare in natura escrementi di cane nel sacchettino: immagini e poesie per dire NO. Potete seguire la campagna con post nuovi ogni settimana sugli eventi della pagina facebook “Finale natura landscape & archeotrekking”, ed aiutarci inviando immagini a serinus@virgilio.it

CASCATA DELLE LIBELLULE BLU

Le piogge di fine ottobre – inizio novembre hanno provocato molti danni al sentiero della Cascata delle Libellule Blu a Rialto. Dal ottobre al 30 aprile il sito è comunque chiuso, nonostante fosse intenzione aprirlo su richiesta per visite guidate; attualmente però il transito non è agevole per i molti tronchi caduti lungo il percorso. Alcune volte sia Francesca Magillo come Guida Ambientale Escursionistica, sia Cosimo Melacca gestore dell’AgriBike Camping (entro il quale la cascata è collocata), ci siamo trovati a spiegare il perché viene richiesto 1 euro per l’ingresso alla Cascata. Dalle immagini appare evidente: c’è molto lavoro da fare per ripristinare il percorso, e questo lavoro costa tempo e fatica. In aggiunta, il presidio del sito fa sì che lo troviate in condizioni migliori rispetto ad altre “piscine torrentizie” anche poco distanti.

 

Condividi su

About the Author

Stefano Pezzini
Vecchio cronista alla Stampa, mai saggio...