Recco festeggia l’enogastronomo Salvatore Marchese

Venerdì 28 febbraio a Recco dal ristorante Da O Vittorio andrà in scena una serata speciale, riservata agli operatori di settore, dedicata a Salvatore Marchese, giornalista, gastronomo e scrittore di Castelnuovo Magra.

Attraverso la ricostruzione della sua lunga carriera si ricorderanno i 30 anni della pubblicazione del suo libro “La cucina ligure di Levante”, Edito da Muzzio Editore, che proprio a Recco si aggiudicò nel 1991 il Premio Pennagolosa dedicato ai libri di gastronomia regionale. L’evento, inserito nelle famose Serate Gastronomiche recchesi, organizzato da Dimensione Riviera di Lucio Bernini e il Consorzio Recco Gastronomica con una giuria molto importante presieduta dal compianto Vincenzo Bonassisi, dopo un’attenta selezione, assegnò al libro di Marchese il prestigioso premio che contribuì al suo successo.

Iscritto da ben 45 anni all’Ordine dei giornalisti, collaboratore della Guida dei ristoranti dell’Espresso e di numerose testate giornalistiche specializzate, una fra tutte ricordiamo il periodico Barolo&Co dove da lungo tempo cura la rubrica “Fornelli d’Italia”, Marchese ha scritto poi molti altri libri, tutti dedicati alla cucina tradizionale sempre accompagnata da attenti approfondimenti culturali e storici dei territori.

 La serata, voluta da Gianni e Vittorio Bisso del ristorante Da O Vittorio, chiamerà a Recco personaggi famosi nel panorama enogastronomico italiano che nel ricordare curiosità ed aneddoti della sua lunga carriera, renderanno omaggio a questo “guru” dell’arte culinaria ed enologica, che con Recco ha sempre avuto un rapporto speciale apprezzandone il grande sforzo compiuto ogni giorno dalla sua ristorazione per conservare il patrimonio gastronomico ligure.

 Il sindaco di Recco Carlo Gandolfo consegnerà a Salvatore Marchese una targa a ringraziamento dell’attenzione che sempre ha dedicato nei suoi scritti a Recco quale Capitale gastronomica della Liguria.

 

Condividi su

About the Author

Stefano Pezzini
Vecchio cronista alla Stampa, mai saggio...