Riconoscimento in Parlamento per la carriera ai fornelli per gli chef savonesi Canepa e Di Salvo

Saranno premiati a Roma il 13 Novembre, accompagnati dal Vicepresidente di Unione Regionale Cuochi Liguri Francesco Impieri, gli chef Stefano Canepa e Damiano Di Salvo insieme ad altri 300 cuochi provenienti da tutta Italia saranno insigniti del riconoscimento alla carriera e alla professionalità presso l’aula dei Gruppi Parlamentari a Roma. “È un piacere vedere premiati i colleghi e sicuramente avremo altri e maggiori candidati nel prossimo biennio”, è la dichiarazione del presidente regionale dei cuochi liguri Stefano Beltrame che sarà sostituito dal suo vicario per pregressi impegni.

“Ho ricevuto lo stesso premio anni fa e devo confermare la grande emozione”, dice Impieri. Due anni fa sono stati premiati altri 4 chef sempre nello stesso luogo istituzionale mentre 4 anni fa solo una lady chef per la Liguria fu selezionata. Il premio, conferito da Federazione Italiana Cuochi, riconosce 25 anni di carriera minima, professionalità e competenze specifiche. In aula personalità politiche e dirigenti di Federcuochi. “Dopo 44 anni di attività è una grande soddisfazione questo riconoscimento – commenta lo chef Di Salvo – che non è la fine di una carriera, ma uno sprone per poter indirizzare i giovani che hanno iniziato da poco questo lavoro assai impegnativo ma molto gratificante a portare avanti quello che da mestiere è diventato una passione, una crescita continua grazie alle esperienze condivise con tutti i miei colleghi e in ogni parte d’Italia. Far stare bene gli altri è quello che metto nei piatti che cucino ogni giorno”Anche Stefano “Stefanino” Canepa, è soddisfatto: “Sono particolarmente onorato di ricevere questo importante riconoscimento alla mia carriera nel mondo della ristorazione, che è iniziata negli anni ’80 presso l’azienda di famiglia ‘Albergo Adriana’ a Celle Ligure presente sul territorio dal 1958 anno in cui i miei genitori lo hanno costruito”.

 

Condividi su

About the Author

Stefano Pezzini
Vecchio cronista alla Stampa, mai saggio...