Studenti e campioni dello sport giocano a bocce ad Alassio…

Sono circa 400 i giovanissimi studenti degli istituti del comprensorio, che in questi primi tre giorni della settimana hanno affollato, nell’ambito del 1° Festival dello Sport Bocce,  il Palaravizza di Alassio per partecipare a “Il pallino che spiazza”, serie di attività ludiche propedeutiche allo sport delle bocce. Entusiasti, oltre ai ragazzi, anche i loro docenti.

 

Per il Festival domani arriverà il momento della Targa Gentlemen, appuntamento al quale parteciperanno, insieme ad alcune autorità, ex campionissimi di varie discipline. Dalle ore 18, al Palaravizza, 8 saranno le formazioni (quadrette) protagoniste, ciascuna delle quali composte da due vip e da due big delle bocce (atleti di Serie A e giocatori esperti).

Tra gli sportivi più illustri che daranno lustro a questa prima iniziativa di saranno:

Gianni Lanfranco (pallavolo), vincitore, con la maglia del Cus Torino, di due scudetti e della storica prima conquista della Coppa dei Campioni (1980) da parte di un team dell’Europa occidentale; in maglia azzurra esordì ancora minorenne, per arrivare a conquistare l’argento al Mondiale 1978 e la prima storica medaglia olimpica (bronzo)  del volley italiano nel 1984 a Los Angeles,

Franco Arese (atletica leggera), campione europeo dei 1.500 metri ad Helsinki nel 1971, a lungo presidente della Fidal e imprenditore di successo nel settore dell’abbigliamento sportivo;

Rita Grande (tennis), protagonista a più riprese in Fed Cup e con due Olimpiadi all’attivo, 4 tornei del circuito mondiale (3 Wta, 1 Itf) vinti in una carriera chiusa anzitempo nel 2005 per un infortunio, oggi commentatrice televisiva;

Italo Zilioli (ciclismo), professionista per 14 anni, nel suo ricco palmares figurano anche 5 tappe del Giro d’Italia, una al Tour de France (vestendo 6 volte la maglia gialla) e un Trofeo Laigueglia;

Giuseppe Perletto (ciclismo), a suo agio in salita, 8 stagioni tra i “pro”, con 3 tappe del Giro chiuse per primo sotto il traguardo e una vittoria di tappa nella Vuelta; tra i dilettanti ha concluso al 2° posto un Giro Dilettanti, alle spalle di Francesco Moser;

Felice Bertola (pallapugno), il più vincente (14 scudetti, di cui 12 da battitore) giocatore italiano di questo sport tipico di Liguria e Piemonte, considerato il più forte di tutti i tempi; ha portato al titolo italiano anche le società di Andora e Pieve di Teco; domani con Bertola sarà presente anche un altro esponente della pallapugno, Giulio Abbate, già presidente del Panathlon Club di Alba;

Roberta Zucchinetti (vela), quattro volte campionessa italiana e vincitrice di un titolo europeo (1991) nella classe laser;

Raffaele Di Noia (pallanuoto): vincitore con la Rari Nantes Savona della Coppa Italia nel 1993 e, nello stesso anno, secondo in A1; con le nazionali giovanili ha partecipato a diverse competizioni tra cui il 6 Nazioni ad Atene, dove nel 1986 è stato eletto miglior giocatore. Appesa la calottina al chiodo, ha allenato le giovanili del Savona, vincendo nel 2000 lo scudetto categoria Ragazzi. Dal 2002 è giornalista del Secolo XIX.

Gran finale per il 1° Festival delle Bocce nella giornata di venerdì 12, vigilia della 66a Targa d’oro: nel pomeriggio al 1° All Star Game Serie A delle bocce (Italia vs Selezione Stranieri), all’All Star Game Junior (Italia vs Selezione Liguria) e in serata alla Targa Revival, con sfide tra super campioni e vecchie glorie di Italia e Francia.

Il Festival dello Sport Bocce rientra tra le iniziative promozionali in vista del trittico mondiale organizzato dal Colba ad Alassio: 2019 Mondiale Giovanile (24-28 settembre), 2020 Mondiale Femminile, 2012 Mondiale Maschile.

 

Condividi su

About the Author

Stefano Pezzini
Vecchio cronista alla Stampa, mai saggio...