Studenti premiati al Bergese per il concorso dedicato all’extravergine

Giovedì 31 gennaio, per celebrare l’olio extra vergine di oliva, arrivano a Genova dal Molise e dalla Toscana i giovani vincitori del concorso nazionale“Ricette Evo”, riservato al mondo dell’istruzione alberghiera. La competizione, alla sua prima edizione, è stata promossa dall’ Istituto “Nino Bergese” di Sestri Ponente con il sostegno dell’azienda olearia Santagata 1907.

Riservato agli studenti delle classi quarte e quinte, il concorso ha visto la partecipazione di istituti alberghieri da tutt’Italia, che si sono sfidati su due categorie in gara: “ricette tradizionali” e “ricette creative”. In entrambe le sezioni sono state valutate le migliori ricette in grado di conferire un “valore aggiunto” all’ingrediente olio extra vergine di oliva, non come semplice condimento ma come elemento imprescindibile nella realizzazione del piatto e nella stessa “idea di ricetta”.

Sul podio della tradizione salirà “Il Cinghiale in oleocottura con gelato all’olio” di Francesco Pio De Santis e Michael Quarantino dell’Istituto Federico di Svevia di Termoli, guidati dal docente Mauro Inglese; Nella categorie “ricette creative” ad aggiudicarsi il premio con la “Fettunta rivisitata” saranno invece due ragazzi dell’Istituto Francesco Datini di Prato, Laura Scarpina ed Emmanuele Nesti, sotto la direzione dell’insegnante Veronica Cavallaro.

Alle scuole premiate andrà una fornitura di 100 litri di olio extra vergine di oliva Selezione Oro 100% Italiano dell’azienda Santagata per l’impiego nelle attività didattiche della classe. Quale ulteriore riconoscimento, l’oleificio ligure ha offerto agli alunni vincitori la partecipazione all’importante manifestazione Olio Officina Festival in corso a Milano dal 31 gennaio al 2 febbraio, un autentico riferimento per il settore.

Fanno parte della giuria di esperti che ha decretato i piatti vincenti: Luigi Caricato, giornalista e direttore della rivista Olio Officina, nonché ideatore e anima del Festival, Cristina Santagata, presidente dell’omonima azienda, Elena Nicosia, responsabile per la sicurezza alimentare presso la Regione Liguria, Francesco Palau, imprenditore e presidente della Sezione Industrie Alimentari di Confindustria, lo chef Alessandro Gavagna, titolare del ristornate “Al Cacciatore” presso “La Subida Country Resort” a Cormons in Gorizia.

Cristina Santagata, presidente di giuria esprime la propria soddisfazione per l’originalità e la validità delle proposte pervenute e lo sforzo di coniugare tradizione e innovazione nell’utilizzo di un alimento, quale l’olio Evo, cardine del gusto e della tradizione come della moderna dietetica: “Non è retorico affermare che tutte le ricette proposte rispecchiano un grande lavoro di ricerca e bene hanno interpretato la finalità del concorso: stimolare gli studenti a concepire l’EVO come ingrediente essenziale delle due categoria in concorso, la tradizione e l’innovazione. La scelta delle due sezioni ben rispecchia l’anima stessa di questo prodotto e la sua grande potenzialità.”

“Ci auguriamo che questa prima edizione diventi un appuntamento fisso –  aggiunge il preside del Bergese Angelo Capizzi – che coinvolga sempre più scuole e operatori del settore alimentare, uniti nell’intento di promuovere l’eccellenza delle produzioni italiane e la qualità della nostra tavola”.

Condividi su

About the Author

Stefano Pezzini
Vecchio cronista alla Stampa, mai saggio...