Una degustazione a Cascina Nirasca per scoprire l’Ormeasco, il vino dei Situazionisti che fecero nascere il ’68

Una degustazione per scoprire i vini della Liguria di Ponente, Pigato, Rossese e, soprattutto, l’Ormeasco, il vino dei situazionisti che nel 1957 gettarono le basi del movimento che poi sfocerà nel ‘68 a Cosio d’Arroscia. Succede sabato pomeriggio alle 17 alla Cantina Nirasca (omonima frazione di Pieve di Teco) dove si svolgerà una degustazione con spaghettata finale. Il costo è di 10 euro e per prenotare si può telefonare al 3318507193 o al 3493201960. Ad organizzare l’evento Marco Temesio, una laurea in sociologia nel cassetto, messa via per assecondare la sua passione per la vite, e Jacopo Fanciulli, grande raccontatore del vino ligure.

Torniamo al situazionismo e al vino. Guy Debord, all’epoca 26 anni, filosofo francese, era arrivato a Cosio nel luglio assieme ad un gruppo di artisti, Michèle Bernstein, Asger Jorn, Pinot Gallizio, Pegeen Guggenheim e Ralph Rumney, Walter Olmo, tutti a festeggiare il matrimonio dell’amico Piero ed Elena Simondo. La loro auto, che aveva fatto il pieno ad Albissola, allora la “Piccola Atene” dell’arte, era arrivata a Cosio e aveva finito la benzina. Doveva essere una gita fuoriporta, finì con una settimana di idee e vino. Debord “sempre ebbro, mai ubriaco”, mattiniero, quando gli amici si svegliavano aveva già bevuto almeno due litri di ormeasco. “Furono i Clavesana a voler impiantare l’Ormeasco, con regole ben precise. Per i ladri di uva si poteva arrivare anche alla condanna a morte”, racconta Augusto Manfredi, sommelier Ais e profondo conoscitore dei vini liguri. Oggi l’Ormeasco (un dolcetto che nel corso dei secoli ha cambiato natura) bevuto nel 1957 è totalmente diverso. Se all’epoca si distribuiva in damigiane, era il vino delle osterie di Albenga e Imperia (in quella settimana del 1957  le due osterie del paese scesero a Pornassio ad acquistarne ancora, perchè quei giovani avevano bevuto tutte le scorte), oggi è un vino ricercato, eclettico, che si può vinificare in rosso, può essere Superiore, spumante, passito, sciac-e-tra. E il Situazionismo? E il ‘68? Il Situazionismo si spaccò presto, Debord continuò ad essere il pensatore anarcoide che ispirò il ‘68. Forse grazie all’Ormeasco.

 

Condividi su

About the Author

Stefano Pezzini
Vecchio cronista alla Stampa, mai saggio...