Vendemmia con i sapori della tradizione e musica jazz per fare del turismo un’esperienza

Alassio e Albenga fanno sistema per intercettare il turismo enogastronomico, 14 milioni di persone che in Italia, secondo gli studi, muovono 2,5 miliardi di euro. Wine experience già da tempo è un termine di richiamo per Piemonte e Toscana, oggi anche la Riviera, siappure con numeri di bottiglie molto inferiori (ma non per questo di minor qualità), vuole sedersi a tavola. Prima di fare diventare la wine experience un prodotto, però, bisogna avere esempi e materiale per poterlo promuovere.

Per questo martedì 17 si svolgerà un educational, che si concluderà con un video promozionale, capace di coinvolgere Alassio, Albenga, Vendone e Bastia di Albenga e anche un gruppo jazz. Sotto la gestione di Elfo, l’Ente di formazione regionale, il cooking show e il wine tasting saranno gestiti dai corsisti delle aziende turistico ricettive Hotel del Corso, Residence Villa Firenze, Agriturismo Lavanda in Fiore, Azienda agricola La Crosa, Azienda agrituristica Le Giare, Azienda agrituristica Il Colletto, Azienda agrituristica Il giardino del Sole, Agriturismo del Pigato BioVio e Agriturismo U Beriun, partecipanti al corso Italian Riviera experience, coordinati dai docenti Stefano Pezzini, Massimo Fornasier, Franco Laureri e dal tutor Daniela Righi. Al progetto si unisce, il Jazz tramite l’Associazione “Le Rapalline in Jazz” che porterà il “Maurizio Ditozzi Duo” composto da Maurizio Ditozzi al sax tenore e Maurizio Lavarello al piano, a suonare in vigna. L’obiettivo è quello di poter presentare questo “prodotto” al BITESP (Borsa Internazionale Del Turismo Esperienziale) a Venezia dal 25 al 27 novembre, evento di riferimento  per gli operatori turistici dell’incoming e dell’outgoing esperienziale.

 Dalle 17, nella vigna della Cantina BioVio “Le Marixe”, inizio strada provinciale per Arnasco, opinion leader, giornalisti e soprattutto i turisti che soggiornano nelle strutture ricettive del comprensorio del ponente savonese sono invitati all’educational che avrà quali elementi portanti le rilevanze storico artistiche di Albenga, i prodotti tipici, i vini della piana albenganese e la musica jazz del sax di Maurizio  Ditozzi e del piano di Maurizio Lavarello. Un percorso sensoriale, alla ricerca dei sapori e dei saperi della Liguria, che accompagnerà un gruppo turisti svizzeri, tedeschi, olandesi, italiani e russi alla scoperta delle eccellenze enogastronomiche: dagli ortaggi ai formaggi, dal vino alle salse al mortaio, nel contesto straordinario dei filari di Pigato della vigna “Le Marixe”.

L’evento  Wine-Food-Jazz tra i filari di Pigato sarà coordinato per la parte food da Carolina Vio, Daniela Pallanca e Laura Verdino, mentre l’enologa Caterina Vio affiancherà Giancarlo Alfano, delegato della provincia di Savona dell’Associazione italiana Sommelier, per la degustazione guidata del Pigato e della Granaccia.

 

Condividi su

About the Author

Stefano Pezzini
Vecchio cronista alla Stampa, mai saggio...