Venerdì 2 luglio torna la Fiera dell’Aglio di Vessalico e compie 260 anni

Fiera dell’aglio di Vessalico, Valle Arroscia alle spalle di Albenga, ma provincia di Imperia. Come, sempre da tradizione, la fiera avrà il suo clou venerdì 2 luglio, per tutto il giorno. Una tradizione vecchia 260 anni per mettere in mostra un prodotto, l’aglio di Vessalico, presidio Slow Food per quel che riguarda la Cooperativa La Resta, è  una vera eccellenza ligure. Quest’anno, poi, ci saranno anche i produttori che hanno creato il Consorzio dell’Aglio di Vessalico che riunisce produttori, trasformatori e ristoratori della Valle Arroscia, che ha in programma anche una diretta Facebook. Ci saranno punti vendita dell’aglio, ma anche altri stand agricoli.

 

La sopravvivenza di questo antico aglio è legata alla volontà di pochi, cocciuti agricoltori, che hanno continuato a coltivarlo in minuscoli appezzamenti abbarbicati in montagna, tramandandosi i bulbi da generazioni, assieme alla tecnica di coltivazione e a quella di confezionamento. Le teste di aglio non sono recise dalla pianta, né mondate del ciuffo, ma confezionate in lunghe trecce (reste): le teste essiccate e selezionate in base alla dimensione sono intrecciate a coppie di due, formando un lungo reticolo arabescato. Un’operazione che si può svolgere soltanto la sera e la mattina, quando le teste d’aglio sono più umide e le foglie non si spezzano. Le piante non recise continuano a nutrire l’aglio e a mantenerlo sano e profumato anche otto, dieci mesi dopo la raccolta. La coltivazione è completamente manuale e biologica (da oltre due anni si pratica con esito positivo, la solarizzazione: un sistema per sterilizzare il terreno con il calore). Venerdì sul prato dei Canavai, a Vessalico, si svolge la settecentesca fiera dell’aglio, occasione ideale per acquistarlo assieme a tantissimi prodotti per l’agricoltura ed altre eccellenze rivierasche, dal vino ai formaggi.

L’aglio di Vessalico ha un aroma delicato, un sapore intenso e leggermente piccante e, soprattutto, un’estrema conservabilità. La tradizione della gastronomia locale comprende un piatto che ne esalta le caratteristiche organolettiche: si tratta dell’ajé, una maionese con olio extravergine di oliva e aglio schiacciato nel mortaio (una dei tanti eredi della medioevale agliata). Si gusta al meglio su crostini di pane abbrustolito o accompagnata da patate lesse. L’aglio di Vessalico è il protagonista principe (assieme al basilico di Prà e dei Pinoli di Pisa) del vero Pesto ligure.

 

Condividi su

About the Author

Stefano Pezzini
Vecchio cronista alla Stampa, mai saggio...